Passa ai contenuti principali

Post

bis di peperoni per il pic nic

Giorno di festa?  Il Calendario del cibo italiano lo sottolinea così, dedicando questo 25 aprile alla Giornata della scampagnata. E se qualcuno è già sul piede di partenza col suo cestino bell'e pronto e pieno di cosine sfiziose, in questa primavera non mancheranno altre occasioni per provare qualcuna delle deliziose preparazioni che i membri della nostra Community hanno preparato per voi.  Io, come al solito, sono andata sul semplice. Primo, perché i piatti eccessivamente elaborati non sono (più) nelle mie corde, poi perché a parer mio una scampagnata dev'essere un momento di aggregazione, convivialità e festa; un modo per godere della compagnia degli amici, all'aria aperta, liberandosi per una volta dalle regole del galateo che volenti o nolenti ci ingessano sempre un po', non certo l'occasione per procuraci del lavoro in più. Insalate, torte, crostate, involtini, terrine, insomma, riempiamo il nostro cesto con tutto quello che può essere tranquillamente prepara…
Post recenti

falafel di piselli freschi

Primavera, ovvero, stagione di fave, piselli, asparagi... insomma, il risveglio della natura arriva anche in tavola, e devo precisarlo? Sono tutte verdure che mi piacciono moltissimo. Dunque solitamente ne compro a vagonate, con tutto quel che comporta. Se le fave si sgranano al momento, mentre in tavola è già pronto il tagliere con salami e pecorini (e se possibile anche una bella teglia di focaccia appena sfornata... o magari di pizza bianca romana), gli asparagi, ma soprattutto i piselli, un po' di lavoro lo prevedono. Quelli che ho comprato l'altro giorno erano teneri e dolci, davvero buoni, e ho deciso per un piatto total-green, ma soprattutto veloce: dei falafel di piselli. Mi ha sempre lasciato un po' perplessa il fatto che in quelli tradizionali, di fave o ceci secchi, i legumi debbano solo essere ammollati per qualche ora e poi frullati, senza cottura. Ma non sono un po' indigesti? Non so, in Medioriente li mangiano, quindi probabilmente la risposta è No, in …

focaccia di Recco col formaggio

Lo devo proprio dire: non ci sono parole per descrivere questa (altra) delizia ligure. Sarò di parte? Uhmmm... forse... ma a ben pensarci no, non credo e se non fosse per il mio colesterolo, che urla già così, nonostante mi trattenga su moltissimi cibi, me la cucinerei tutti i santi giorni. Per la verità confesso che da molto tempo pensavo di dover pubblicare la ricetta di questa meraviglia, ma più che cucinarla, cosa che è quasi una belinata, la mia difficoltà era quella di immortalarla in qualche scatto che fosse decente e soprattutto le rendesse giustizia. Insomma, a pensarci bene si tratta pur sempre di un prodotto che ha tanto di disciplinare IGP, e dal pensarlo a farmi prendere da un certo timore reverenziale è un attimo. E poi, uffa, la focaccia di Recco col formaggio va mangiata calda, appena uscita dal forno, con la sua pasta scrocchiolosa e il cuore morbido e cremoso e fotografarla significa rinunciare a tutto ciò. Ebbene, lo confesso, per il Nuovo Calendario del cibo itali…

non-pizza ai cavoletti e limone

Ora, vabbè che ormai sotto il nome di pizza si può nascondere ogni sorta di nefandezza culinaria, va bene che la Martha internazionale cucina cose buonissime e a lei perdoniamo tutto, ma io che adoro la pizza napoletana col cornicione bello alto e bolloso, di chiamare questa cosa pizza proprio non me la sono sentita.  Dunque non-pizza, o potremmo definirla una schiacciata. L'ho leggermente cambiata, come al solito, ma la sostanza rimane quella del piatto che Martha Stewart ci presenta nel libro Vegetariana, da cui avevo già tratto il Curry di ceci, broccoli e pomodorini. Questro libro mi piace moltissimo e credo che presto ruberò altre ricette sfiziose.  In sintesi ho cambiato, ma solo per questioni di tempo, la base, utilizzando una pasta a lievitazione istantanea (ma non sussultate e leggete sotto!) e non ho fatto la precottura in padella. Infine ho sostituito la mozzarella, che in cottura rilascia acqua, con la quagliata genovese, ma poiché è difficile da trovare potrete sosti…

spatzle di piselli con crema caprino, erba cipollina e menta

Gli spatzle (spätzle), passerotti in dialetto svevo, sono piccoli gnocchi tipici della Germania meridionale, ma diffusi anche in Svizzera, Alsazia e... Tirolo; dunque, di diritto, entrano a far parte del Calendario del cibo italiano che, inutile dirlo, vi accompagnerà come un mantra, almeno su questo blog, fino alla fine dell'anno. Semplificando - ma il meccanismo è simile a quello dello scorso anno... lo ricordate, no??? -, a ogni giorno dell'anno viene associato un piatto tipico italiano e chi lo desidera contribuisce con una propria versione.       Torniamo agli spatzle.  Per la verità li avevo già affrontati moltissimi anni fa, in una giornata che si perde nella notte dei tempi e lì è rimasta, con il suo impasto spiaccicato un-po'-in-ogni-dove, piano cottura in primis, insieme a una pletora di improperi. I pochi superstiti finiti nel piatto neanche mi erano piaciuti granché, tra l'altro. Mai più sfidati. Tanto per non accanirsi contro il destino. Mai più sfidati…

pide, ovvero: la pizza turca

Un pane turco, una preparazione rubata da un libro bellissimo acquistato da poco, Istanbul. Ricette dal cuore della Turchia, da cui trarrò sicuramente anche in un prossimo futuro molte altre idee; questo piatto nasce così. Qualche modifica, come al mio solito, tanto per non smentirmi, ma la ricetta di fatto è quella, senza grandi stravolgimenti ed ecco pronta una sorta di pizza che abbiamo letteralmente divorato. Pizza-pide, l'assonanza c'è e non è casuale. Io l'ho condita così, con peperoni e uovo - e parlo al singolare perché l'ho messo solo nella mia; tra l'altro immortalato in una foto sola; furba eh? -; chissà, forse sono stata inconsciamente condizionata dal libro di Ottolenghi, Jerusalem, che ha una ricetta simile fatta con la pasta sfoglia. Dico inconsciamente perché l'ho notato solo l'altro giorno, sfogliando quel testo per l'ennesima volta, in ogni caso diversi giorni dopo aver fatto le mie pide. La farcitura "doc" prevede formaggi…

curry di ceci, broccoli e pomodorini

Lo so, la primavera avanza a grandi passi, anzi, oserei dire che qui da noi è già arrivata, ma questa ricetta, forse ancora un po' troppo invernale, non me la volevo lasciar sfuggire.  Così, prima di dedicarmi a qualche verdura un po' più in linea con la stagione, ho cucinato ancora i broccoletti -che io adoro- con i ceci, che stra-adoro, specie da quando ho scovato e provato quelli di Merella, un paese in provincia di Alessandria. Perché li considero eccezionali? Sono piccolini, la cuticola sottile e dopo 12 ore di ammollo cuociono perfettamente in pentola normale in un'ora, diventando tenerissimi, che si disfano in bocca, senza trucco e senza inganno. Abituata come sono a ceci che senza pentola a pressione ci mettono una vita ad assumere una consistenza passabile, la cottura di questi è davvero una passeggiata. E una volta cotti non li devo neanche sbucciare. Il libro da cui ho tratto la ricetta è Vegetariana, curato da Martha Stewart (attenzione! Dico curato perché in…