Passa ai contenuti principali

panbrioche di adriano... quando copiare premia



Negli ultimi fine settimana mi sono dedicata un po' a lievitati complessi; più che complessi diciamo di lunga preparazione. Anche ieri non ha fatto eccezione ed eccomi qui con un pan brioche, sfornato per le colazioni dei prossimi giorni, copiato letteralmente da quello di Adriano, che come "panificatore" non delude mai.
Lui lo definisce "a raffermamento ritardato", adatto, quindi, ad essere conservato una settimana.
Unico appunto, a mio gusto, lo zucchero. E' vero che il pane briosciato non dev'essere molto dolce, ma questo, di zucchero, ne conteneva davvero poco. Mi sono presa la libertà di aggiungerne un po' di più  e devo dire che così lo preferisco.
Ho diviso a metà le dosi; anche così facendo ho ricavato due "pani" utilizzando uno stampo da un litro e mezzo ed un altro grosso la metà.
Infine, poiché la ricetta di Adriano prevedeva un uovo e tre tuorli, dividendo la quantità per errore ho abbondato un po', aggiungendo due uova intere. Risultato: una pasta davvero molto morbida che mi è stato difficile stendere col matterello. Ho provveduto aiutandomi con poca di farina supplementare e schiacciandola e tirandola con le mani, un po' come di fa con la pizza. Il risultato finale, comunque non è stato compromesso ed è venuta fuori una brioche davvero soffice e perfetta.

Prima di passare alla ricetta una notizia: ho ricevuto ieri il pacco-dono di Francesca, per il contest "Cena davanti al TV". Una bellissima teglia antiaderente (straordinariamente in tinta con la mia cucina) che utilizzerò per una prossima ricetta; in più due presine con guanto-forno abbinato, molto carini anche questi, che faranno sfoggio di sé nella mia prossima casa nuova.
   

Ora vi lascio con questa super colazione in cui il pane è stato abbondantemente spalmato di marmellate fatte in casa (da me, of course), alle fragole, alle pesche amaretti e rum, e alle ciliegie e vaniglia (la prima è quella sprint fatta l'altro giorno, le altre due sono rimanenze dell'anno passato).
Una buona giornata a tutti!


Ingredienti:
per il poolish della sera:
150 grammi di latte
75 grammi di farina manitoba
6 grammi di lievito di birra fresco
un po' di scorza di limone
per l'impasto del mattino successivo:
350 grammi di farina manitoba
50 grammi di zucchero (io 80)
75 grammi di burro
2 uova (meglio sbatterle leggermente e togliere mezzo uovo) 
6 grammi di sale
scorza di mezzo limone
vaniglia (un cucchiaino di estratto o mezza bustina di vanillina)
3 grammi di lievito
15 grammi di latte

Esecuzione:
per il poolish: formate una pastella con gli ingredienti indicati, mettete in un contenitore ermetico e ponete in frigo per tutta la notte.

La mattina successiva: tirate fuori il contenitore dal frigo e lasciatelo a temperatura ambiente per mezz'ora, poi un'altra mezz'ora a 30 gradi (io l'ho messo nel forno che avevo acceso per pochi secondi).
Nel frattempo in una planetaria "impastate" il latte col lievito ed un cucchiaio di farina. Trascorsa l'ora di riposo del poolish unitelo a questa pastella ed avviate la macchina a bassa velocità aggiungendo un terzo della farina.

Quando l'impasto inizia a prendere consistenza , aumentate gradatamente la velocità ed unite il sale, poi le uova, lo zucchero, la scorza di limone, la vaniglia ed infine la farina in tre riprese.

Ad incordatura avvenuta aggiungete il burro ammorbidito e lavorate fino ad ottenere un impasto liscio.

Coprite e lasciate triplicare il volume (per Adriano tre ore; io ne ho impiegato 4 mettendo nel forno spento, preventivamente riscaldato per qualche secondo).

Trasferite sulla spianatoia (io l'ho infarinata), allargate il composto (io con le mani; se più consistente spianate col matterello), date un giro a tre (un lato corto verso il centro, poi sovrapponete l'altro lato) e stendete ancora.

A questo punto io ho diviso in due parti, una il doppio dell'altra, poi, come da istruzioni di Adriano, ho arrotolato strettamente le due sfoglie e le ho messe negli stampi. Ho spennellato con latte ed ho messo a lievitare fino a quando la pasta è arrivata al bordo della teglia (due ore e mezza).

Ho lucidato nuovamente col latte, scaldato il forno a 170 e cotto per circa 30 minuti.

Commenti

  1. Sembra proprio ottimo. Da provare . Sai in cosa mi sono cimentata da ieri? Ho iniziato il lungo procedimento per la pasta madre. Chissa' cosa verra' fuori. Buona domenica, un abbraccio.

    RispondiElimina
  2. I lievitati danno sempre una gran soddisfaizone sopratutto se preparati per la colazione! ;-) QUesto panbrioche è da un bel pò che lo tento...e visto che a te è venuto benissimo...beh, non mi rimane che mettermi all'opera!

    RispondiElimina
  3. onestamente non saprei come commentare! Adriano lo fa per mestiere e che sia bravo è quantomeno auspicabile, ma tu, se non erro, sei una profana e il tuo risultato è da Oscar! ma brava davvero!!! se già le foto rendono onore alla tua preparazione immagino l'assaggio.... le foto sono pure bellissime. buona domenica e complimenti per il premio, ciao :))

    RispondiElimina
  4. Un giorno anch'io mi dedicherò ai lievitati...
    Per adesso credo che comincerò con la marmellata! Che ne pensi? Pesche amaretti e ruhm non si può sentire!
    Baci Fausta
    Buona Domenica

    RispondiElimina
  5. Buongiorno Fausta, è proprio il caso di dirlo con una colazione così!! Adoro questi risvegli con la tavola imbandita di un buon panbrioche morbido e profumato, e tante marmellatine colorate e sane! Sulla preparazione nulla da dire, c'è solo da imparare e prendere appunti, e queste foto sono davvero stupende!! Grazie per le tue visite quotidiane, non sai che piacere trovare sempre i tuoi commenti a ogni mio post.. vista la tua bravura ne sono onorata! Un abbraccio e una buonissima domenica, come il tuo panbrioche!

    RispondiElimina
  6. Ussignur, come te lo copierei per le mie di colazioni, ma con le mie farine non penso proprio che il risultato sia strabelerrimo come il tuo...uffaunpò, proverò.
    Due cose: 1) foto splendide, che brava
    2) stasera posto la torta di castagne.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  7. Bene, allora passo domattina per colazione cara, come faccio a perdermi tutte queste delizie?!!! :)) ahah, ma quand'è che lo inventano il tele trasporto??!!! Un bacione!!!!

    RispondiElimina
  8. O mamma, questo per me è impossibile...
    1) non ho la planetaria
    2) non ho la pazienza, almeno non ce l'ho in questo periodo.
    Quindi l'unico modo per assaggiarlo è salire da te... "Permesso si puo'? Sono un'amica di Fausta..."
    Come dice Tinny foto splendide
    Buona serata

    RispondiElimina
  9. Complimentoni per ricetta e premio! Bravissima!

    RispondiElimina
  10. Ciao. Io avevo capito della contrapposizione delle ricette. Ma non pensavo che si dovevano postarle insieme. Ma questo non e' un problema. Il problema e' che ora, dopo quello che hai scritto, non so piu' se la mia ricetta e' dolce o salata! Tu dici che e' salata, io l'avevo fatta per il dolce perche' mettendo le fragole e il cocco ..... Boh, non lo so piu'. Che ridere Fausta. Il tuo gioco e' bello per questo, e mo'... ? Che si fa? Se vuoi toglila, pensero' ad altro. Bacioni

    RispondiElimina
  11. Ho anche scritto in fretta e sgrammaticato. Scusa. Ciao

    RispondiElimina
  12. cara è meraviglioso questo panbrioche, posso passare per colazione domani? ;-)

    RispondiElimina
  13. @ Meris: anch'io ho la pasta madre... quando la userai sarà una vera soddisfazione!
    @ Claudia: credo che nessun lievitato sia difficile, ci vuole solo un po' di pazienza (e tanto tempo a disposizione)
    @ Sonia: ecco perché Adriano è bravo... sa anche spiegare!
    @ Marcella: vada per le marmellate... sono un mondo da esplorare
    @ Sara: anche per me è un piacere avere degli scambi con una persona così sensibile come sei tu! Grazie per i complimenti... sei sempre molto generosa
    @ Tinny : il risultato strabelerrimo con le tue farine credo non venga! Attendiamo momenti migliori e "consoliamoci" con la (ottima!) tortina di mammà (la volevi far passare per tua, eh? ;))
    @ Menta piperita: speriamo PRESTO! Anch'io avrei delle richieste!
    @ Marina: grazie per i complimenti... passa tranquillamente, aggiungeremo un posto (ma arriva in tempo per la colazione, eh?)
    @ Nel cuore dei sapori: Grazie ;)
    @ Meris: come avrai capito la tua ricetta va benissimo... aspetto che posti anche l'altra
    @ Pasticciona: grazie... ti aspetto a porte aperte

    RispondiElimina
  14. Complimenti per il bellissimo premio ricevuto e per il panbrioche sublime!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Un hermoso pan brioche se ve exquisito,esponjoso y la foto espectacular,te felicito por ambas cosas,un plcer pasar por tu blog,vendré a visitarte,cariños.

    RispondiElimina
  16. molto bello, complesso per me ma prometto che mi darò da fare, il pancìbrioche lo avevo affrontato tempo fa, ricordo che fu un successo. Questione anche di avere i tempi da dedicare. Bravissima anche per le foto, i piacciono i composeé a ruquadri, ma il tempo.. il tempo di farli non ce l'ho!

    RispondiElimina
  17. Belllissima ricetta, l'hai realizzato alla perfezione. Bacioni e buona settimana

    RispondiElimina
  18. Un signor panbriosche complimenti!!buona settimana

    RispondiElimina
  19. Ciao Fausta questa cosa deve essere un tantino più complicata dei miei gnocchi! Comunque sei bravissima, complimenti :D
    Un abbraccio
    Carla Emilia

    RispondiElimina
  20. Buongiorno Fausta! Questa ricetta è meravigliosa, brava! E che belle foto!
    PS - di dove sei esattamente? La famiglia di mio marito ha la casa a Cipressa e veniamo spesso lì per un attimo di tregua e pace! In spiaggia poi siamo sempre a S.Lorenzo da Riccardo ;-D

    RispondiElimina
  21. Ecco, io invidio tutti quelli che come te riescono ad ottenere dei meravigliosi prodotti lievitati che sembrano usciti direttamente dalle mani degli angeli...ma come si fa? Io sono una capra quando si tratta di pane, pizza and co, e con la scusa che a casa la pizza ed il pane li fa Anto' il pizzaiolo, alla fine non imparerò maiiii (però la tua ricetta me la rubo - quelle fette sembrano di zucchero filato....)Bacione, Pat

    RispondiElimina
  22. Buongiorno cara!!ti auguro una splendida giornata

    RispondiElimina
  23. Eh no Fausta, io sono ancora ben lontana da queste preparazioni..ma non ho dubbi sulla bontà..appena vista la foto me lo sono immaginato spalmato della famosa crema alla nocciola..che io mangio raramente..avrò delle voglie represse??? :-D
    Un bacione cara

    RispondiElimina

Posta un commento