w

18 aprile 2011

scrigni al pesto, in fondo... una lasagna!


Eh, sì, in fondo di questo si tratta: una pasta al pesto, o una lasagna al pesto, solo leggermente "rimaneggiata" nell'aspetto esteriore (vedi Cinzia? Torna il nostro discorso).
L'idea non è mia; diamo a Cesare....
Tempo fa partecipai ad un corso di cucina dove alcuni grandi nomi della ristorazione locale proponevano, preparandoli sul posto, alcuni dei loro piatti. Un ottimo (ed in zona conosciutissimo) ristorante di Ventimiglia presentò questa ricetta che io non indugiai a memorizzare. Ovviamente solo per quel che riguarda forma e procedimento; quanto alle dosi, vado ad occhio. Il pesto, purtroppo per voi, in casa nostra lo prepara Antonio. Il problema è che lui non va proprio ad occhio ma piuttosto a gusto. Impossibile stargli dietro; dovrei pesare, prendere appunti, ripesare, sommare ecc ecc. con lui che mi intima di togliermi dai piedi; insomma un lavoro improbo, che infatti non faccio (altrimenti avrei postato il pesto da un pezzo...), ma il risultato è sempre ottimo!
Anche per quel che riguarda gli altri ingredienti le mie dosi sono un po' "di massima"; qualcosa mi è avanzato (vedrete prossimamente come ho riciclato), qualcosa è sparito misteriosamente mentre procedevo nella preparazione (c'era Antonio che girellava... magari ha fatto qualche magia), in poche parole cercherò di essere più precisa possibile ma la ricetta è talmente semplice che ognuno di voi sicuramente saprà riprodurla anche senza dosi misurate al grammo.
Una piccola curiosità prima di passare alla ricetta: contrariamente a quanto si pensa le "trenette  avvantaggiate" non si chiamano così per la presenza, accanto al pesto a far da condimento, di fagiolini e patate, bensì perché erano fatte con farina integrale, cosa che anticamente consentiva un risparmio notevole, visto il costo e la scarsità della farina bianca. L'aggiunta delle verdure, poi, serviva ancor di più a saziare senza gravare ulteriormente sui, sovente  miseri, portafogli.     
Questa pasta, di avvantaggiato, non ha nulla e se vorrete rifarla sono sicura che non ve ne pentirete. Il pesto rimane completamente racchiuso nello scrigno di pasta, cosa che evita bruciacchiature (il pesto bruciato non è buono) ed ossidazioni; praticamente gusto al 100%!.
Con questa ricetta partecipo al contest di Dada "Cosa sforno oggi?"  


Ingredienti (per 7-8 stampini in alluminio usa e getta monoporzione)
per la pasta fresca:
200 grammi di farina 00
2 uova
un pizzico di sale
per la besciamella:
300 grammi di latte
25 grammi di burro
25 grammi di farina
sale q.b.
poco parmigiano grattugiato
inoltre:
300 grammi di fagiolini
500 grammi di patate
una tazza abbondante di pesto genovese (fatto in casa)



Esecuzione:
preparate la besciamella  lasciandola piuttosto "lenta. Aggiustate di sale ed insaporite con un po' di parmigiano.

Fate la pasta fresca come d'uso. Dopo il riposo spianatela in sfoglie col matterello o a macchina e lessatela brevemente. Mettete ad asciugare su un canovaccio pulito.

Lessate fagiolini e patate, queste ultime possibilmente con la buccia in modo da preservarne la consistenza (oltre che i sali minerali). Lasciate raffreddare, riducete i fagiolini a tocchetti e le patate a cubetti, mischiate le due verdure e conditele col pesto.  

Oliate leggermente dei pirottini di alluminio da crème-caramel e foderateli con la pasta lasciandola sbordare abbondantemente.

Velate il fondo di ogni stampino con un po' di besciamella, riempite col composto di verdure al pesto, coprite con un altro po' di besciamella, chiudete i lembi della pasta in modo da "imprigionare" bene il ripieno, velate ancora con besciamella, cospargete con poco parmigiano ed infornate a 200 gradi per 20 minuti o fino a coloritura.

                     
   
                           
   

52 commenti:

  1. Mi... avvantaggio e te le copio: complimenti davvero una squisita realizzazione!!

    RispondiElimina
  2. Stavo giusto preparando una lista per una cena con amici.Questa tua ricetta cade a penello.Mono porzioni eleganti e raffinati!

    RispondiElimina
  3. Adoriamo il pesto ma questo già lo sai ...
    Questi scrigni sono deliziosi complimentissimi :))
    Un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  4. Era da tempo che mi aspettavo una ricetta a base di pesto, cara Fausta... data la tua appartenza alla terra ligure e la tua attenzione alle tradizioni locali (di cui hai dato prova), ero proprio curiosa di conoscere il tuo metodo e gli accorgimenti che usi per prepararlo, ma ahimè, per questa volta dovrò "accontentarmi", visto che il pesto l'ha cucinato Antonio! Che meraviglia questi scrigni, chissà che profumo e che sapori! Anch'io adoro le lasagne al pesto, in casa mia sono un must, ma la tua versione è decisamente superiore, bravissima (e il merito stavolta va anche a Antonio con la sua pozione magica)! Grazie come sempre delle tue perle di storia e per la bellezza delle tue foto che deliziano gli occhi e mettono sempre fame! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Posso dire una cosa Fausta? Ma quanto sei bravaaaa!!!!! Un bacio

    RispondiElimina
  6. Adoro gli "scrigni" che custudiscono in modo prezioso morbidi ripieni. Veramente tanti complimenti per questa fresca e bella ricetta :)

    RispondiElimina
  7. Una bella "lasagna" , complimenti :)

    RispondiElimina
  8. Un'originale e gustosa preparazione, bellissime le immagini!!! Complimenti per tutto, tesoro! Un bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  9. che deliziosa preparazione! e va copiata certamente :) Bravissima e baci :X

    RispondiElimina
  10. Beh davvero sfiziosa ed elegante presentata così!!! Chiamala come vuoi...ma a me piace!!!! :P

    Un bacione,
    Raffa

    RispondiElimina
  11. che meraviglia! davvero d'effetto! sto pensando a un menu vegeteriano (contro l'uso del solito agnellino) e non troppo impegnativo per pasqua e quasi quasi questi te li copio.. posso? :)

    RispondiElimina
  12. Davvero stupendi questi scrigni, bellissimi da presentare!

    RispondiElimina
  13. sai cosa ti dico? Che seiuna GRANDE! Io,invece sono un pò in crisi...non ho idee...passerà, sarà un pò di stanchezza, spero. Un grande abbraccio

    RispondiElimina
  14. @ Barbara: fai pure... la cosa mi soddisfa
    @ Lilly: se li fai fammi sapere se sono piaciuti!
    @ I viaggi: eh già... come si fa a non amare il pesto?
    @ Sara: grazie. Purtroppo, come dicevo, il pesto non è il mio forte... prepararlo, non mangiarlo! Quello sì, lo farei tutti i giorni...
    @ meris: grazie! (per essere grande, sono abbastanza grande... d'età!)
    @ Letiziando: grazie; anche tu dimostri di avere molte idee sul "tema"
    @ Stefy e Lady: grazie
    @ Sonia: e mò copiamo pure...
    @ Raffaella: sapessi a me che l'ho assaggiata (assaggiata? Divorata!)
    @ Passiflora: copia e mi dirai; non rimpiangerai il "solito" agnellino!
    @ Marina: sono carini, facili e gustosi... che vuoi di più?

    RispondiElimina
  15. Beh qundo si dice anche l'occho vuole la sua parte! Il mio Antonio non cuoce un uovo figuriamoci mortaio, pinoli, basilico...noooo
    Baci cara e se non ci si vede Buona Pasqua

    RispondiElimina
  16. mah, sarà pure una lasagna...ma fuori dal comine! mi piace tanto l'idea! sei bravissima!
    bacioni

    RispondiElimina
  17. OmmmmmmioDDDDiiiiiooooooo. Vabbè credo che non ti seguirò più...posso sempre prendere degli antidepressivi....devo decidere.
    Il pesto DEVE essere fatto ad occhiogusto, bravo Antonio! Un bacione cara, sei davvero bravissima!

    RispondiElimina
  18. Una lasagnetta davvero particolare e deliziosa!!! Ottima per fare un figurone in un pranzo importante...bravissima!!! Un bacione...

    RispondiElimina
  19. questa ricetta è talmente goduriosa che romperei il monitor per mangiarla! l'aggiungo subito al contest! complimenti! :) bacioni!

    RispondiElimina
  20. bravissima, belli e buoni! baci!

    RispondiElimina
  21. Molto eleganti e golosi al tempo stesso =)

    RispondiElimina
  22. Fausta, grazie della visita, e delle parole! E domani mi visiterò con calma il tuo blog, che già con questi ..scrigni preziosi di pesto mi attira non poco. Ma domani mi concentro sui miei piatti preferiti, i dolci..assieme ai primi, naturalmente, insomma ...tutta roba leggerina leggerina!
    A presto e ciao!
    Cinzia

    RispondiElimina
  23. e poi...ci unisce il caffè! ma solo nel titolo del blog: io in realtà lo detesto, mi fa vomitare (veramente) e neanche i dolci al caffè, mangio, nemmeno il tiramisù (caffè d'orzo ma...meglio marsala! ;-)

    RispondiElimina
  24. ecco, stavolta siamo anche telepatiche, qualche giorno mi ruzzola in testa di farla in questo modo, la lasagna e, siccome avrei pensato proprio che fosse una mia invenzione, ora non posso più illudermi;) vedi, si torna al discorso del "frullino in testa"
    bravissima, io le averi cmq fatte con altro ripieno e questo non me lo perdo proprio eh! bellessime anche le foto

    RispondiElimina
  25. Quindi ti sei data alla destrutturazione!!!
    Complimenti!

    RispondiElimina
  26. Ottimo primo anche per il pranzo di Pasqua. Ieri sera ero ad un corso di cucina (niente di che purtroppo) tra i piatti che abbiamo preparato c'era una torta di patate con fagiolini, asparagi e pesto e mi sei venuta in mente tu, unica ligure di mia conoscenza;) Appena posso la voglio rifare... Buona giornata cara Fausta

    RispondiElimina
  27. E questi scrigni contengono davvero un gran tesoro.. DI BONTA'!! Non potevano avere nome migliore, brava Faustina, impeccabile come sempre! :-)
    Un bacione

    RispondiElimina
  28. che ottima ricetta! mi piace molto complimenti! :)
    ed anche per il blog molto carino!

    RispondiElimina
  29. Bravissima!!questo scrigno è una favola!!mai visto un piatto così bello e invitante.complimentissimi

    RispondiElimina
  30. @ Marcella: il mio, di Antonio, il mortaio proprio non lo usa... fa tutto col frullatore! (beh, non sarà ortodosso, ma il risultato è gustoso davvero)
    @ Eleonora: l'idea non è mia :( , ma il fusto, quello c'è (peccato per voi che non le avete assaggiate!)
    @ Tinny: grazie Tinny, spiritosa come sempre, eh? Nessun antidepressivo... magari una lasagna al pesto???
    @ Patrizia: un modo diverso per presentare un piatto tutto sommato "banale". Un bacio
    @ Le ricette: grazie e attenzione alle schegge!
    @ Federica, Cey: grazie
    @ Cinzia: anche a me i dolci piacciono tanto! Ho visto che anche tu non li disdegni... anzi! Segui addirittura le ricette dei "maestri"... Io almeno uno/due caffè al giorno li devo prendere ma nel tuo "locale" mi "accontenterò" di un té puché sia accompagnato da un bel dolcino fatto da te
    @ Cinzia: poiché ormai sembra appurato definitivamente che in cucina non si inventa nulla... apsetto con ansia la tua lasagna che, se ti conoscesco bene, avrà sicuramente un ripieno a sorpresa!
    @ Fantasie: in effetti sarebbe meglio mi dessi alle "ri-strutturazioni" (facciali)!
    @ Marina: da come la descrivi sembra simile al "polpettone genovese" (di fagiolini e patate). Sono curiosa di vederlo...
    @ Luana: grazie Lù...
    @ Giò: grazie e benvenuto. Ti aspetto per altre visite, allora ! ;)
    @ Le ricette di Tina: grazie grazie graz gra gr g

    RispondiElimina
  31. Davvero molto molto gustosa e presentata benissimo.
    Complimenti.
    Buona giornata.
    Fausta

    RispondiElimina
  32. Ma è stupenda questa "lasagna rimaneggiata", e sicuramente è molto più invitante della lasagna dalla forma classica! Complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  33. Ma è una meraviglia Faustaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!! Che belli che sono! Un figurone!!! Brava tesoro! ;-D

    RispondiElimina
  34. Vabbè, se me le fai senza glutine, accantono le capsule! Per risponderti sì, una pazza. A dire il vero il mio Liceo è stato da racconto di Stephen King, senza esagerare. Lei era "la meglio", quella di Storia&Filo, un giorno si ed uno pure, mi chiamava a casa per minacciare me e le mie compagne che non ci avrebbe ammesso alla Maturità...bè, c'è una spiegazione se son così...un abbraccio CARERRRIMA!!!

    RispondiElimina
  35. E brava Fausta! Ci voleva una ricetta che contenesse il pesto! Anche se non l'hai preparato tu, il resto è solo tuo, deriva dalla tua memoria e dalla tua ineccepibile bravura!
    Come sai, non amo le verdure ma il pesto, nonostante le contenga, è una delle poche cose "verdi" che riesco ad apprezzare!
    Quindi la ricetta me la segno! Anche se, tu dici che è semplice realizzarli ma tutto dipende dalle manine delicate che impastano e le mie forse non lo sono!!!! Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  36. sarà anche una "banale" lasagna, ma così è una meraviglia!!!! brava!
    paola una tua nuova fan!
    http://paola-pronto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  37. Ciao Fausta! Piacere di conoscerti! Scopro ora il tuo blog, molto curato e interessante! Soprattutto per questa lasagna monoporzione originale e davvero gustosa... E mi sono divertita a leggere il tuo racconto della mise en place sotto... Succede anche a me... ^_^
    Se vuoi passare da me, mi farebbe enormemente piacere!
    Un abbraccio,
    Franci

    RispondiElimina
  38. @ Mousse: grazie, detto da te è un gran complimento!
    @ Marjlou e Kiara: grazie dei complimenti
    @ Tinny: qualcosa mi dice che la prof, con te, ha trovato terreno fertile...
    @ More: ma si che lo sono... prepari delle frolle fantastiche, sei sicuramente ucapace a fare la pasta! Prova...
    @ Paola: grazie e benvenuta... passo da te molto volentieri
    @ Franci: grazie, sono contenta che ti piaccia... verrò sicuramente a trovarti, per il momento un grazie per aver lasciato qui un tuo ricordo

    RispondiElimina
  39. Scherzi a parte, il mio Liceo è stato veramente un incubo, purtroppo. Metterlo su carta, come tante altre cose, non rende, non rende per nulla. Magari, tra qualche anno, con più tempo a disposizione...ma preferirei diventare brava come te e fare un bel libro di ricette, sai?

    RispondiElimina
  40. Ahhh vedo che anche tu hai qualcuno che girella intorno...e sa fare pure bene il pesto! Questo scrigno lasagnoso è ..favoloso hihihi e del pesto avvantaggiato nn sapevo, sai? Conoscevo gli ingredienti aggiuntivi ma nn questo nome. Ti mando un bacio e buona serata..!

    RispondiElimina
  41. Questi scrigni sono davvero invitanti...un ottimo modo per presentare le lasagne in maniera più chic e elegante...non oso immaginare come sono golosi, con quel cuore morbido e quella pasta scrocchiarella fuori...mmmmh!

    RispondiElimina
  42. Che bella presentazione!!! Sono molto scenografici questi tuoi scrigni gustosi che ti copierò al più presto!!!
    Buonanotte

    RispondiElimina
  43. Buongiorno cara!!!ti auguro una bellissima giornata!!

    RispondiElimina
  44. Te la copio...ecco l'idea che cercavo per anticiparmi un pò...buona giornata loredana

    RispondiElimina
  45. stavo giusto meditando sul menù delle prossime feste... questi scrigni sono spettacolari, chissà che profumo si sprigiona quando si aprono!^^
    Ne approfitto per lasciarti i miei auguri di una Pasqua serena!

    RispondiElimina
  46. Una ricetta bellissima golosa e intrigante per le prossime feste mi sa che nn mancherà sulla mia tavola....l'adoro!!!baci imma

    RispondiElimina
  47. Gustosisisma preparazione cara Fausta e bellissima! Complijmenti e grazie dell'idea!

    RispondiElimina
  48. @ Tinny: se ha reso nel tuo racconto di ieri... Pigrona!
    @ Acky: girellare mi sa tanto che è una prerogativa dei mariti affamati...ma ogni tanto anch'io ricambio! una buona serata anche a te
    @ Claudia: anche l'occhio... no?
    @ Laura: grazie e a presto
    @ Tina: una buona serata anche a te!
    @ Loredana: in effetti... hai ragione, si possono preparare anche in anticipo! Benvenuta...
    @ Merenda: ricambio gli auguri di cuore...
    @ Dolci: bene, se lo farai mi farai felice!
    @ Speedy: grazie, grazie e buona serata

    RispondiElimina
  49. ciao Fausta, ricetta stupenda, deve essere buonissima! Spero tu abbia risolto i tuoi problemi di spazio per le foto...ti faccio tanti auguri di buona Pasqua a te e famiglia!

    RispondiElimina
  50. Fausta me lo ero persaaaaaaaaaaaaaa...è bellissimo! mi viene voglia di addentarlo!:O
    Bravissima!^_^

    RispondiElimina
  51. una splendida ricetta! una delizia per il palato e per gli occhi!

    RispondiElimina
  52. Complimenti per la vittoria! Sono contenta di "conoscere" una del podio =) Buona serata!

    RispondiElimina