Passa ai contenuti principali

financiers in torta




Questa preparazione m'è balzata agli occhi qualche tempo fa, "spulciando" la rubrica Recuperiamo gli albumi del bellissimo blog Fiordifrolla. La sua era una ricetta di friands, ma poiché ne faceva risalire l'origine ai financiers, mi è subito venuta la curiosità di andare, per così dire, alla fonte. Questo dolce, presentato in diverse forme, dai "muffins" (Ackyart) alle "barrette" (La ciliegina sulla torta), lo troverete comunque in molti blog; a quanto pare si tratta di un classico della pasticceria francese. Io, che in freezer avevo gli ultimi albumi da smaltire, ne ho fatto una versione appena un po' diversa, ma, credetemi, buonissima. Tant'è che le solite torte "da colazione" ad Antonio e me, che alla colazione non rinunciamo mai, durano dai 4 ai 5 giorni, questa ancora grazie che sia arrivata al terzo...
Dunque le mie modeste variazioni prevedono: l'utilizzo di mandorle e nocciole anziché quello delle sole mandorle, l'aggiunta di cacao amaro, la forma di torta anziché il monoporzione e l'uso dell'olio anziché del burro. Su quest'ultimo punto i puristi inorridiranno e non so dar loro torto. Però a mia discolpa devo dire che l'olio ligure ha un sapore davvero poco invadente ed io devo tener sotto controllo i livelli di colesterolo, miei e del maritino...
Così variata, la ricetta è totalmente priva di questa sostanza, anzi, sia la frutta secca che il cacao possono aiutare ad abbassarne i livelli. Detto ciò, le calorie sono tante, ma tante tante e se la sconsiglio a coloro che sono a dieta (rimandatela solo!); mi sento invece tranquilla nell'affermare che chi la proverà ne rimarrà entusiasta. Il tutto è di una semplicità disarmante ed il risultato è un dolce molto saporito ed umido al punto giusto. Insomma, a noi è piaciuta un sacco (s'era capito?) già così ... immagino la versione originale (con burro noisette) cosa debba essere! 
 

Ingredienti:
80 grammi di farina di nocciole (possibilmente tostate)
40 grammi di farina di mandorle
100 grammi di farina
200 grammi di  zucchero a velo
100 grammi di olio e.v. ligure
1 cucchiaino lievito (4-5 grammi)
10 grammi di cacao amaro
180 grammi albumi (circa 5)
due manciate di ciliegie (secondo dimensioni dello stampo)

Esecuzione:
denocciolate le ciliegie.

Setacciate insieme le farine, il lievito ed il cacao; aggiungete gli albumi e miscelate bene.

Unite anche l'olio e versate in una teglia imburrata ed infarinata o coperta da carta forno. Io ho utilizzato uno stampo tondo apribile da 23 cm di diametro, ma potete utilizzare anche dei pirottini monoporzione.

Appoggiate le ciliegie aperte, con la buccia esterna rivolta verso l'alto, fino a coprire tutta la superficie della torta ed infornate a 180 gradi per 30 minuti circa.

Commenti

  1. che idea super!!! che buona dev'essere!!

    RispondiElimina
  2. Ci credo che dura poco. Sia per l'aspetto che per gli ingredienti mi piace molto.

    RispondiElimina
  3. Che delizia hai sfornato, a casa mia sarebbe durata forse un giorno, altro che tre! Se volessi provarla con il burro pensi che 120-130 g potrebbero sostituire i 100 g di olio?
    Bacioni carissima

    RispondiElimina
  4. ma quanto brava sei?!!?!? mi piace proprio.

    RispondiElimina
  5. chissà che bontà... poi a me le ciliegie piacciono tantissimoo

    RispondiElimina
  6. Bellissima, ha un aspetto così invitante, sei super come sempre!!! buona serata!!

    RispondiElimina
  7. che bontà!!!!!!! umida e morbida, ciliegie e cioccolato!!!! divina!

    RispondiElimina
  8. Che bella e sicuramente buona io ancora non ho provato a farla....quando ho le ciliegie le mangio cosi...
    proverò la tua versione..
    baci

    RispondiElimina
  9. Una torta buonissima, con dei ingredienti che io amo tantissimo.

    RispondiElimina
  10. SI vede proprio che è una delizia, così morbido e umido, una bontà di torta ^-^ ciao!

    RispondiElimina
  11. Mi piace questa ricetta! Mi piace venire a guardare la vostra presentazione, sono sempre molto spettacolari e le immagini sono così belle! Prendo atto! Caro

    RispondiElimina
  12. Che meraviglia!!! E' supergolosa!!! Bravissima, baci

    RispondiElimina
  13. interessante spiegazione e golosissima torta!!! ;)

    RispondiElimina
  14. Fausta che bontà che hai fatto ma...non mi è chiara una cosa. Gli albumi non si montano a neve?

    RispondiElimina
  15. ....Un classico della pasticceria francese...vede, vede, signorina che, benchè richiamata, opere transalpine goduriose, ci propina?

    RispondiElimina
  16. Che buona!!!!Brava!!Sono Lolly se domenica fa bello vado a Diano Marina!!Vieni anche tu??!

    RispondiElimina
  17. All'elenco delle ricette per riciclare gli albumi vado subito ad aggiungere questa che mi sembra eccellente
    ciao loredana

    RispondiElimina
  18. Un dolce bellissimo e goloso, splendida ricetta, grazie Fausta!!!!!!
    Domani pubblico "fiori", bacioni!!!

    RispondiElimina
  19. domenica arrivano le ciliegie della mia amica e...la provo...che delizia. Ciao bella =)

    RispondiElimina
  20. Cara Fausta, senti chi parla!!! Tu, in pieno delirio da trasloco, riesci a tenere sotto controllo i colesteroli della famiglia con queste fantastiche dolcezze... ma qual è il tuo segreto? Soffri d'insonnia o nascondi un clone in cantina? Questa versione ligurizzata di un dolce francese mi piace, perché hai italianizzato un classico ricchissimo di grassi alleggerendolo con classe e fantasia, senza che però venisse meno la bontà. Alla faccia dei cugini tutto burro e salse!!! Credo proprio che ti ruberò questa ricetta, ho sempre voglia di sperimentare nuove ricette, soprattutto con le ciliegie che in questo periodo la fanno da padrone ovunque, anche se purtroppo ancora per poco! Un abbraccio e complimenti!

    RispondiElimina
  21. Sto pensando di prepararla per la colazione del week end! Sembra ottima e le tue parole mi hanno convinta. Provo!

    RispondiElimina
  22. Una bella idea se ve muy linda con cerezas,es bueno experimentar con más razón si tu eres una genial cocinera,te felicito por la preciosa receta,cariños y abrazos.

    RispondiElimina
  23. Dai che poi non mi sembra nemmeno tanto calorica... o almeno così voglio illudermi che sia, in maniera tale da mangiarla al più presto! :)

    RispondiElimina
  24. Grazie Fausta per la risposta al mio dubbio.
    Sei un amore di ragazza.

    RispondiElimina
  25. Complimenti. Credo proprio che anche il mio Antonio gradirebbe :)

    RispondiElimina
  26. ma che bellezza!! bravissima Fausta...très chic! bacioni :X

    RispondiElimina
  27. In casa mia gli albumi nn mancano mai e terrò ben presnete questa delizia appen ane avrò del resto come potrei dimenticarmi di questa meraviglia!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  28. Carissima fausta.... da quanto tempo non lascio un commento nel tuo blog.... devo dire che aspettavo una ricetta con le ciliegie.... ma nell'attesa quelle dei miei tre piccoli alberelli (quest'anno la produzione è stata eccellente) hanno trovato diversa sistemazione.... anche io con il mio compagno ho problemi seri di colesterolo quindi non mi resta che sostituire i dolci che preparo per la colazione, per la verità pochi visto che italo non si sà controllare con questo.... questo è un periodo di delirio totale.... tra l'aiutare le altre pance, e credimi sono davvero tante, a pensare a dei piccoli pensierini per i loro pargoletti, la mia stellina.... che fra poco compie gli anni....il piccoletto in arrivo .... il giardino... l'orto e chi più ne ha più ne metta.... mi sento sempre in affanno e temo che non ce la farò a fare tutto.... risultato.... stò trascurando la mia vita nella blogsfera.... mi dico per sentirmi meglio.... recupererò.... ma il tempo del recupero non arriva mai.... uff.... va bene.. pazienza pensiamo che sia solo un periodo.... a breve mi toccherà cercare un buona ricetta di pasta di zuccherò.... devo cimentarmi con la torta... che quest'anno per espressa richiesta dovrebbe diventare a 2 piani decorata con tanti cuoricini..... che romantica la mia giulietta.... ma ce la faremo?!!! boh...
    un abbraccio grande......

    RispondiElimina
  29. le foto e la descrizione di questa torta meravigliosa mi hanno fatto venir voglia di farla...a discapito della dieta :-)

    RispondiElimina
  30. Io credo che a me non sarebbe bastata neanche per una colazione solamente!!! La avrei divorata all' istante!!! Davvero un' ottima torta e le foto sono divine!!!!! Un bacione tesoro e buon fine settimana!!

    RispondiElimina
  31. Ma che dolce raffinato! La tua variante secondo me lo fa ancora più goloso. Forse io non potrò farlo con l'olio perchè qui in Sicilia è tutt'altro che leggero e delicato. Potrei provarlo ma non oso. E al diavolo la dieta, davanti a questa meraviglia depongo le armi!

    RispondiElimina
  32. Cara Fausta, la tua torta è una vera delizia. Un paradiso di sapori e profumi. Una golosità alla quale è impossibile resistere.
    Hai scritto che è una ricetta calorica, però, hai sostituito il burro con l'olio. Già questo mi sembra un primo, importante, passo, verso la leggerezza.
    Se poi aggiungiamo che la colazione è il pasto più importante e qualche eccesso calorico si può fare, direi che siamo tranquilli.
    Comunque, la torta voglio provarla e ho già trovato alibi e attenuanti alle calorie!

    Baci e buon fine settimana

    Giovanna

    RispondiElimina
  33. Questa è una delizia allo stato puro! Brava Fausta! E la storia dell'olio ligure te l'appoggio in pieno! Ha un sapore unico, meglio del burro e più salutare! ;-)

    RispondiElimina
  34. Ciao Fausta, questa torta ciliegie e cacao mi ha conquistata... se poi aggiungi il fatto che nasce da una ricetta francese... Promossa a pieni voti! Ho solo un problema: la farina di nocciole, dove la trovi? la prepari tu?
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  35. Fausta, hai proprio ragione l'olio di olive ligure è per me il migliore, forse solo il toscano mi piace così. Gli altri li trovo tropoo..invadenti! ANche se a me piace tantissimo il gusto lattoso del burro, e insomma, per non sbagliare in genere, nelle mie ricette (non nei dolci) in genere faccio metà e metà!
    Cmq questi financiers, anche sotto forma di torta, è un po' che mi frullano in testa, ma in genere buttavo gli albumi, tanto la meringa non mi piace. Con questa cosina buona buona che hai fatto tu, invece, mi sa che li terrò.
    Ovviamente dopo la dieta! (continuo..mi viene da spararmi!!)

    RispondiElimina
  36. Che dolce bello e delicato!Sembra veramente buonissimo!Complimentoni,cara Fausta!Un bacio!!!

    RispondiElimina
  37. Ecco uno di quei dolci che a vederne gli ingredienti mi vien da dubitare sempre come possa poi uscirne una magia come quella della foto.. meno male la vedo e sarà il caso dunque di non dubitare più! Prometto che mi fiderò e quando l'avro fatta (giusto sto tenendo da parte degli albumi apposta) ti dirò
    Bacione!!

    RispondiElimina
  38. Ciao Fausta, scusa l'assenza dal tuo blog ma in questo periodo non riesco ad avere tempo per i soliti giretti e mi dispiace molto :( ...questa torta e stupenda emana bontà, poi sai bene quanto amo i dolci con l'olio ^__^ è super, io e la mia cavia riusciremmo a spazzolarla i meno tempo! Un grande abbraccio ;)

    RispondiElimina
  39. buona!come ne vorrei un morsetto...qui sto mangiando un sacco...troppe schifezze....che ci vorrebbe prorpio una bella fetta di torta, semplice e buona :)

    RispondiElimina
  40. Eccomi!! Scusa se non mi ero accorta di questa meraviglia e del link, grazie! Sei stata cara! Ma soprattutto sei stata brava, mettendo come sempre un pizzico di personalità, un'aggiunta che mi gusta (il cacao) e una che mi sarà utile (l'olio) perchè anche da queste parti c'è da stare attenti al colesterolo! Ahimè! Per nn parlare della versione in torta...! Ho tralasciato solo le nocciole, ma pure queste nn sono da sottovalutare. Insomma brava-issima!

    RispondiElimina
  41. Questa me l'ero persa!! La tua versione è decisamente golosa...ci credo che è durata poco!!
    Un abbraccio e buona domenica!!

    RispondiElimina
  42. @ Tutte: purtroppo anch'io vado un po' di corsa in questi tempi; a chi mi segnala lo stesso problema posso solo dire: quanto vi capisco! Il blog assorbe tempo e quando non ce n'è non ce n'è! Non posso pertanto rispondere a tutte singolarmente, l'ho comunque fatto presso i blog di ognuna di voi. Due precisazioni per chi "passasse" di qui ed avesse qualche dubbio analogo a quelli sollevati da alcune. Il dolce è davvero buono e si fa con albumi non montati; credo che questo serva ad evitare un "effetto meringa" che asciugherebbe la preparazione. Naturalmente le ciliegie possono benissimo essere sostituite (le versioni citate nell'introduzione contenevano lamponi e fragole) con altra frutta di stagione. Il cacao è una mia aggiunta, ma ci sta bene. L'olio può essere sostituito con 125 grammi di burro (a dir la verità sono io che ho sostituito il burro con l'olio!), bisognerà però fonderlo e lasciarlo "cuocere" finchè non emanerà un leggero profumo di nocciola (burro noisette. Attenzione però che non bruci!)
    Credo di aver detto tutto
    Un grazie di cuore a chi è passato di qui ed ha lasciato il proprio commento, spesso molto "tenero" nei miei confronti. Un grazie di cuore anche a chi è passato di qui, senza lasciare alcun commento!
    Un bacio e tutti e buona giornata

    RispondiElimina
  43. ooo che bontà, me la segno subito, come sono buoni i dolci alle ciliegie! Buona domenica!

    RispondiElimina
  44. Ciao Fausta, molto bella questa tua torta, chissa' che non riesca a provarla prima che finisca la stagione delle ciliegie. Baci

    RispondiElimina
  45. vengo qui da quell'altra pazza, certo che fra tutte e due siete un bel duo!
    e poi grazie per il tuo lavoro antologico, mi hai permesso di farmi una cultura su questi financiers e friands che ignoravo totalmente ed era male, anzi, malissimo!
    ah... ovviamente foto bellissime, ma da te si sa, è così!

    RispondiElimina

Posta un commento