Passa ai contenuti principali

castagnaccio pere, noci e cioccolato


Mentre tutte, chi più chi meno, ci stiamo "perdendo" nella preparazione dei nostri quintali di biscotti natalizi, una pausa dolce, gustosa ma senza traccia di colesterolo e con pochissimi grassi, ci sta bene, no?
Il castagnaccio è una preparazione classica, rustica, che a me piace molto specie quando riesco a trovare un'ottima farina di castagne come quella che ho utilizzato per fare questo. Avevo in mente una ricetta di Sale e Pepe; la rivista non so più dove l'ho cacciata ma sono andata a memoria. D'altra parte il castagnaccio l'ho sempre fatto; ho quindi solo arricchito con pere, noci e gocce di cioccolato e ne è venuta fuori un'ottima versione che credo rifarò presto. Per la quantità d'acqua io vado un po' a occhio, ma ne aggiungo sempre circa due volte e mezzo la farina; il risultato è una pastella. L'umidità presente farà sì che la superficie del dolce, in cottura, si crepi, come vedete nelle foto; la cosa è normale. Ho provato, nel tempo, altri impasti meno ricchi d'acqua... ma il risultato finale non mi soddisfaceva affatto, il castagnaccio rimaneva più consistente ed abbastanza coriaceo; sono quindi tornata alla mia versione "familiare" che da un risultato morbido ed assai godibile a cui, per renderlo ancor più godibile (mica mi faccio mancare nulla!), ho affiancato della panna montata aromatizzata alla vaniglia. 'Na goduria!
Quanto alle dosi indicherò solo quelle essenziali, per il resto... andate a "gusto", no?



Ingredienti (per una teglia di circa 20/22 cm di diametro)

110 grammi di farina di castagne (so che è una misura strana ma avevo finito il pacchetto)

250 grammi circa di acqua (dose indicativa)

un cucchiaio di zucchero (io lo metto sempre; in questo caso la mia farina era già abbastanza dolce di natura ma l'ho aggiunto ugualmente e ci stava bene)

un cucchiaio d'olio

una pera kaiser

qualche noce

gocce di cioccolata

il solito pizzico di sale



Esecuzione:
disponete la farina di castagne, lo zucchero ed il sale in una ciotola ed aggiungete l'acqua poco alla volta, sempre amalgamando con una frusta in modo che non si formino grumi. Fermatevi quando avrete ottenuto una pastella non troppo densa e liscia.  
Sbucciate la pera, togliete il torsolo, tagliatela a fettine e disponete queste ultime a raggiera nella teglia velata d'olio.
Versate lentamente la pastella di farina e acqua (lo spessore sarà di circa mezzo centimetro) poi cospargete con qualche gheriglio sminuzzato grossolanamente e gocce di cioccolato.
Infornate a 180 per 25 minuti curca. 



Commenti

  1. QUesto castagnaccio è davvero originale! Ecco così mi piacerebbe proprio! Devo ammettere che la classica versione (quella con i pinoli e basta per intendersi) non mi piace per niente, ma questo...è golosissimo!

    RispondiElimina
  2. E un dolce nuovo per me!Sembra buonissimo!Mi piacciono tutti gli ingredienti!Da provare sicuramente!Un bacio forte,amica italiana:)

    RispondiElimina
  3. Buonoooo! E vista l'ora qualcosa di dolce mi andrebbe proprio! Ma mi tocca aspettare.
    C'é un giveaway molto femminile da me, passa se ti va di partecipare! ^__^

    RispondiElimina
  4. un castagnaccio molto originale e goloso :-)

    RispondiElimina
  5. io ricordo una versione del castagnaccio ocn le noci proprio su un libricino dedicato alle ricette del mediterraneo che avevo trovato con sale e pepe , che però ho comprato solo in quella occasione ...
    ottima ricetta e bellissime foto

    RispondiElimina
  6. La pausa tra una quintalata di biscotti ed un'altra la si dovrebbe fare con un'insalatina, direi. Pertanto, questo castagnaccio-rugoso-tartarugoso, per nulla privo di colesterolo (è troppo facile raccontarsela sempre e credere che anche gli altri ci possano credere), NON ritengo sia il dolcino adatto per l'occasione, "cazzuolata" di panna compresa...

    RispondiElimina
  7. ecco con questi ingredienti potrebbe piacermi anche il castagnaccio!

    RispondiElimina
  8. Una deliziosa alternativa alla solita ricetta!!!

    RispondiElimina
  9. Direi diversa ed accattivante! Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Mary: yes!!!
    Claudia: a dir la verità a me piace anche quello... ma questo di più
    Lenia: è per questo che ci si iscrive a blog internazionali, no? Un abbraccio
    Kristel: passoooo
    Ros: pensa che avevo letto: rugoso...
    Housewives: non credo fosse quello, ma mi viene in mente che forse tu ti riferisci alle ricette, già pubblicate, che ogni tanto Sale e pepe raccoglie in librettini monotematici, Sì, allora potrebbe essere...Ciao
    Tinny: secondo me la "pausa" ognuno dovrebbe decidersela da sé, cazzuolata di panna compresa!!!
    Fabrizia: non hai che da provare...
    Memole: sono d'accordo!
    N&L: Grazie, ciao

    RispondiElimina
  11. Mi piace tanto il castagnaccio. Sono abituata alla versione rustica che mangiamo qui in Toscana, con tanto di rosmarino e olio d'oliva e probabilmente la tua versione potrebbe essere appetibile anche per i miei due latitanti che ogni volta che sentono pronunciare "farina di castagne", fanno il gesto del dito in gola....Frustration! Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  12. Faustina, ti rispondo qui perchè non vorrei che tu avessi pensato male. Ti ringrazio anzi per avermi fatto la segnalazione. Sui canestrelli esiste un mondo di ricette, tra l'altro molto diverse tra la tua regione e quelle piemontesi. Molte alla fine seguono la tradizione della famiglia che la custodisce. Spero di non aver dato l'idea di voler pubblicare la ricetta vera del canestrello perchè non era mia intenzione, infatti come dici tu, so che non vanno i tuorli sodi ma freschi. Solo che a me piace quell'effetto di estrema friabilità, che assomiglia anche alle margheritine di stresa (conosci?). Mi piacerebbe avere la tua ricetta così da provarla. Su questa cosa ci ho giocato su con la Tinny ma ero certa che lo avresti notato. Ti mando un bacione grande. Pat

    RispondiElimina
  13. Buffissimo! Una vita che sono in Toscana e non solo no l'ho mai fatto, ma non l'ho mai nemmeno assaggiato! La tua variante ricca però mi ispira molto di più :)

    RispondiElimina
  14. Beh Fausta, ha ragione Tinny la pausa tra una montagna di dolci si fa con un'insalatina, no co 'sta goduria!

    RispondiElimina
  15. ciao Fausta, ma questa è una versione very very hard!! :) in senso buono, intendo. io, pur amando le castagne, il castagnaccio nn l'ho mai amato molto, ma devo dire che questa versione mi intriga moltissimo! e in ogni caso è un ottima pausa da biscotti e dolcetti (esco appena da un'ondata pazzesca!) un bacio mia cara

    RispondiElimina
  16. Ciao Faust(idda)... splendida questa tua versione del castagnaccio! Sai che non l'ho mai assaggiato...devo recuperare! ;-)
    Io purtroppo sono costretta a letto, al riposo forzato, da più di una settimana ormai. La piccola minaccia di uscire prematuramente e come se non bastasse il mio utero è già accorciato! Si sono messi d'accordo quei due... domani ho il controllo, spero con tutto il cuore che sia tornato tutto a posto! Mi annoio a casa da sola per tutto il giorno! Voglio tornare al lavoro! :-((((

    RispondiElimina
  17. Buona questa versione del castagnaccio! in genere non lo amo moltissimo ma arricchito da pere, cioccolato e soprattutto noci dev'essere ottimo. me la segno ^-^ ciao!

    RispondiElimina
  18. questo castagnaccio "ricco" deve essere una prelibatezza! ;)

    RispondiElimina
  19. Così non l'avevo mai visto.... originale, come te!!!!

    RispondiElimina
  20. Più lo guardo più mi fa senso...

    RispondiElimina
  21. Ciao Faustidda!!
    A me questo castagnaccio fa veramente gola :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  22. Faustidda come faccio: io lo VOGLIO ASSAGGIAREEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  23. un castagnaccio bello ricco! mi piace :P

    RispondiElimina
  24. quando passo dal tuo blog mi vien sempre l'acquolina fantastico

    RispondiElimina
  25. orpo questa versione del castagnaccio mi mancava... tra l'altro, con aggiunte golosissime... me le vedo proprio bene!!
    ciao carissima scusa la latitanza ma avevo un lavorone in consegna.. ora respiro...!

    RispondiElimina
  26. che fame, il castagnaccio me lo faccio preparare spesso da mia mamma quando vado dai miei, le proporrò anche questa tua nuova versione che credo apprezzerà. un abbraccio

    RispondiElimina
  27. Scommetto che questa versione se la godrebbe anche l'uomo di casa, visto che mi aveva snobbato il classico castagnaccio che avevo fatto poco tempo fa.. io di sicuro, me lo ri-gusto volentieri.. ^_*
    Lo proverò e ti dirò fasutina!!
    ps. sempre che riesca a districarmi tra i dolci di natale da cui siamo immersi! :-D
    Baciooooo

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  29. E si che dire prorio una bella ricetta!!!!!da provare e gustare!!!!buona vita e buona cucina!!!!

    RispondiElimina
  30. Mi piace questa versione ricca del castagnaccio. Ma si, non facciamoci mancare nulla, l'abbinamento alla panna è ultra goloso! ^_^
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  31. Ciao!! Ricambio il salutino!! Un bacio e buon...infornamento! :))

    RispondiElimina
  32. Ora che ci penso...io il castagnaccio non l'ho mai mangiato! E la tua versione mi sembra ancora più golosa del tradizionale! Quasi quasi mi lascio tentare.....! Un bacione!

    RispondiElimina
  33. e brava faustidda, sai che non ho mai mangiato il castagnaccio!!!!!
    nonostante in questo periodo sia un po' nauseata dai troppi dolci, il tuo lo assaggeri molto volentieri, con le pere mi ispira molto.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  34. Le foto sono da attentato ..."alla gola" ;-)

    RispondiElimina
  35. Rieccomi, giusto per rispondere alla domanda sui crisantemi. Esistono una marea di varietà di crisantemi e quelle che noi tutti conosciamo come margherite gialle in realtà sì, sono proprio crisantemi! Anche io spesso "rubacchio" qua e là rametti da talea...con la scusa che comunque più si moltiplicano le piante più verde c'è e meglio è ^-^ a presto!

    RispondiElimina
  36. pensa che nnstante il mio amore per le castagne e la farina, non amo il castagnaccio. Certo forse questa versione, più ruffiana e meno ristica forse mi conquista un poco di più.. :)

    RispondiElimina
  37. Faustidda beddha, ma che ti sei inventato? Non era già abbastanza buono il classico castagnaccio? Dovevi proprio farne una versione Luxuria, dovevi? :-D Vabbè, ormai è fatta, cediamo a quest'ennesima tentazione. Data ultima del cedimento: 6 gennaio 2012 :-D

    RispondiElimina
  38. faustidda ...sara' eccezionale è da provare! ciao

    RispondiElimina
  39. ....con le pere? e le gocce di cioccolato?...e anche le noci, vero?
    E senza traccia di colesterolo nè grassi, giusto?
    Con quelle belle crepine lì sopra e quel "risultato morbido e assai godibile" di cui vai narrando...
    Beh, senti: mi hai convinta! Ma lo faccio solo per te, sia chiaro.
    (ammazza se deve essere buono!!!!!!!!!!!!)
    Baci buona giornata!

    RispondiElimina
  40. Sono rimasta impietrita di fronte al tuo castagnaccio! Che meraviglia, mio padre adora questo dolce, gli ricorda la sua infanzia, quando ai primi freddi vendevano le fette di castagnaccio a 10 lire! Ho provato spesso a farlo ma non veniva vai la superficie buccerellosa come la tua! Finalmente la vedoooo e appena compro la farina proverò la tua ricetta! baci baci baci!

    RispondiElimina

Posta un commento