Passa ai contenuti principali

un challah ed un "pane" multicolor




Volendo partecipare al contest di Anna, Cuochi da biblioteca, ho pensato ad un libro che mi fosse piaciuto in modo particolare e tra i tanti la mia scelta è caduta su: Quando Teresa si arrabbiò con Dio, di Alejandro Jodorowsky. Si tratta in pratica di una saga familiare, anzi, due, riguardanti le ascendenze materna e paterna dello scrittore. Le storie delle due famiglie si intrecciano in Sud America, dopo le varie peripezie attraversate per giungere là dalla Russia. Tutte le vicende sono reali, anche se un po' romanzate ed il racconto è ironico e scorrevole; una scrittura leggera, anche nella descrizione delle tragedie, rende il libro per me unico e coinvolgente fin dalla prima pagina.
Per capire il "tono" del racconto basta leggere l'ultima di copertina: Follie, odi, vizi, persecuzioni e miserie di una famiglia cilena di origine ebreo-russa raccontati attraverso i secoli con tumultuosa fantasia, trasfigurati da una memoria esuberante che moltiplica le meraviglie e i miracoli. Un romanzo beatamente appollaiato sull'albero genealogico di A. J., carico di frutta ed antenati bizzarri: non esiste posto migliore dove costruire il nido e far risuonare il proprio canto insolente.
Dunque le radici di Jodorowsky sono russe... ed ebraiche, a quale delle due "componenti" riferirmi per la scelta del piatto? Alla fine quella ebraica ha avuto la meglio ed eccomi a fare un challah (ormai è chiaro quanto amo i lievitati...).
Un po' di "letture" mi hanno portato a capire che si tratta di un pane, leggermente dolce, tipicamente consumato durante lo shabbath, i cui pasti prevedono spesso anche piatti a base di carne. Poiché agli ebrei osservanti è vietato accompagnare la carne con i derivati del latte, gli ingredienti del challah non prevedono né latte né burro. Eppure è un pane morbidissimo, assai simile al nostro panbrioche. Merito dell'olio che nel mio caso non può che essere il "mio" delicatissimo olio ligure taggiasco. Io l'ho fatto a forma di treccia a sei capi (per un tutorial potete guardate qui e qui, ricordando che se volete ottenere una forma ben affusolata anche i sei capi dovranno essere più grossi al centro che alle estremità), lo sto centellinando a colazione con le marmellate e vi assicuro che mi ha creato dipendenza; oltre tutto, se ben chiuso, la sua morbidezza rimane inalterata a lungo.
Non paga volevo anche farne un'altra versione, non ortodossa e più confacente ai nostri gusti che prevedono pranzo e cena accompagnati da pane "salato". Ecco quindi anche: il mio pane multicolor con intreccio a quattro capi. Buonissimo!
Per l'arancio ho utilizzato carote, per il verde spinaci, per il viola succo di mirtillo (puro al 100% e non zuccherato!). Dire che ce lo siamo spazzolati è un eufemismo...

Infine:  Anna voleva anche una sorta di presentazione dell'opera, in modo da invogliare alla lettura della stessa. Io non so scrivere critiche, per cui basatevi su quel po' che ho scritto prima e sull'incipit; non conosco modo migliore per valutare un libro.
 
Nel 1903 mia nonna Teresa, madre di mio padre, si arrabbiò con Dio e anche con tutti gli ebrei di Dnepropetrovsk, in Ucraina, perché continuavano a credere in Lui malgrado la micidiale inondazione del fiume Dnepr. Durante l'alluvione era morto Giuseppe, il suo figlio prediletto. Quando l'acqua aveva cominciato a invadere la casa, il ragazzo aveva spinto in cortile un armadio e ci si era arrampicato sopra, ma il mobile non rimase a galla perché era gravato dai trentasette trattati di Talmud... Dopo il funerale, inseguita dal marito e stringendo a sé i quattro piccini che le rimanevano, Giacomo e Beniamino, Lola e Fanny, fabbricati più per dovere che per passione, entrò come una furia in sinagoga, interruppe la lettura del Levitico, capitolo 19, "Parla a tutta la congregazione dei figli d'Israele e dì loro...", e ruggì: "Sarò io a dirvi qualcosa!". Irruppe nella zona che le era vietata in quanto donna, spintonando gli uomini...  

La ricetta con cui partecipo al contest di Anna è naturalmente quella del challah "tradizionale" di cui ecco la ricetta tratta, quasi pari-pari, da un libriccino: Dolci ebraici della tradizione veneziana (Filippi Editore)


Ingredienti:
500 grammi di farina 00
12,5 grammi di lievito di birra fresco (mezzo cubetto)    
60 grammi di zucchero
170 grammi circa di acqua
75 grammi di olio e.v.o.
un uovo + un tuorlo per spennellare
un pizzico di sale


Esecuzione:

fate la fontana con la farina ponendo ai margini il sale ed al centro l'olio, lo zucchero, l'uovo ed il lievito. Versate l'acqua tiepida a filo sciogliendo il lievito ed impastate cominciando dal centro ed incorporando man mano tutti gli ingredienti. La quantità dell'acqua è indicativa quindi fate attenzione a non esagerare aggiungendo solo quella necessaria ad ottenere un impasto liscio e setoso analogo a quello del nostro comune pane.
Potete anche scegliere una breve doppia-lievitazione procedendo così (io non l'ho fatto):
impastate il lievito con l'acqua; dopo averlo ben sciolto aggiungete lo zucchero e metà della farina e lasciate lievitare per una trentina di minuti. Aggiungete il resto degli ingredienti ed amalgamate bene il tutto.

Lavorate a lungo, eventualmente con l'aiuto dell'impastatrice, poi formate una palla, praticate al centro un taglio a croce e lasciate lievitare, coprendo, in luogo tiepido per circa due ore (io dopo mezz'ora ho reimpastato brevemente).
A lievitazione avvenuta suddividete l'impasto in sei parti uguali (pesarli!) e da questi ricavate sei filoncini più grossi al centro (guardate qui) e affusolati verso le estremità. Intrecciate come spiegato in video (più semplice di quel che può sembrare; provate!).
Lasciate ancora lievitare per una mezz'ora, spennellate col tuorlo sbattuto poi infornate a 180 gradi per mezz'ora circa.



Per la versione colorata il procedimento è il medesimo; ho solo omesso lo zucchero (potete anche omettere l'uovo se non avete voglia di suddividerlo) ed aumentato la percentuale di sale (in tutto 10 grammi).
Ho diviso gli ingredienti per 4 ed ho preparato per primo l'impasto base, lasciandolo bianco.
Agli altri tre impasti ho aggiunto: per l'arancione una piccola carota cotta e frullata con un mixer ad immersione aiutandomi con un po' d'acqua di cottura (in tutto 50 grammi di prodotto circa); per il verde un cespo di spinaci cotti e frullati con un po' d'acqua di vegetazione (circa 50 grammi in totale); per il viola 50 grammi di succo di mirtillo puro al 100% non zuccherato. Naturalmente la dose d'acqua dovrà essere ridotta di 50 grammi per ogni impasto (eventualmente potrete aggiungerne un po' se vedrete che la pasta è troppo consistente). Lasciate lievitare per un paio d'ore, modellate un "salsicciotto" per ogni colore, formate una treccia a quattro fili, lasciate lievitare ancora per mezz'ora, spennellate, infornate come sopra e gustate. I colori rimarranno davvero belli, li vedete in foto così com'erano.
Unica accortezza: cuocete le verdure e frullatele; preparate quattro ciotole diverse con gli ingredienti pesati e procedete con gli impasti piuttosto rapidamente per evitare diversi stadi di lievitazione.
 






Commenti

  1. L'ho tanto visto in giro ma non l'ho mai mangiato , dev' essere un gran bel pane.

    RispondiElimina
  2. Ma è bellissimo questo pane, colorato e.....mi piace tanto. Bravissima come il solito.

    RispondiElimina
  3. E' magnifica! Questa treccia di pane è magnifica e sofficiosa :) E quella multicolor fa un effetto strepitoso. Quanto avrei voglia di provarci...Un bacio, tanti auguri di buon anno

    RispondiElimina
  4. wowwwwwwwwww è favoloso!complimenti!

    RispondiElimina
  5. E' il pane dolce che da alcuni anni abbiamo sulla tavola per la colazione di Natale e noi lo adoriamo... ce lo porta dalla Svizzera un nostro vicino. Anche se a dir la verità per me dentro c'è del burro e non dell'olio... comunque adesso che Babbo Natale mi ha portato una planetaria 0_0 potrei cimentarmi !!! salvo

    RispondiElimina
  6. Che belli questi challah! Pur essendo stata in vacanza in Israele non conoscevo questa ricetta...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Ciao Faustidda, mi sa che questo challah dovrò provarlo, le foto danno davvero idea della sofficità!
    Complimenti anche per l'intreccio, perfetto!
    Ho notato nel post pecedente che ti sei preparata le sagome delle muffole...sei un mito!!
    Ma aspetto di vedere le cartucce!
    buone feste loredana

    RispondiElimina
  8. Questa trecciona mi piace un sacchissimo ^_^ Colorata con questo intreccio perfetto è una vera meraviglia!Un bacione :-)

    RispondiElimina
  9. mi sembra un bel libro :) e anche la ricetta sembra molto buona :) che dire sono entrambi da provare ;D

    RispondiElimina
  10. Eh si, si vede che adori i lievitati, ma si vede anche ti vengono meravigliosamente bene! QUesto treccione deve essere delizioso! Brava!

    RispondiElimina
  11. bisogna dire, cara la mia Faustidda, che con i lievitati ci sai proprio fare e che tra i tuoi "doni" la manualità abbonda.. io ci avevo tentato con i sei capi ma lasciamo perdere vah!
    E che dire del tricolore, quel viola e magnifico :)

    RispondiElimina
  12. Fausta sei veramente bravissimaaaaaaaaaaaaa!!!!
    Sono tutte e due bellissimi!!! E mi immagino la sofficità di questi pani....
    Bacioni

    RispondiElimina
  13. Questo pane è meraviglioso!!! Bravissimaaaaaa!!! Un bacio!!

    RispondiElimina
  14. Che dire? Sei bravissima dolcezza! E' proprio venuto benissimo! Nani

    RispondiElimina
  15. Semplicemente meraviglioso!!!!!
    Brava Fausta,le tue ricette sono una meglio dell'altra.

    RispondiElimina
  16. Che brava che sei, un pane davvero stupendo!!!

    RispondiElimina
  17. Ottimo!!! Auguri Fausta!!!! un abbraccio

    RispondiElimina
  18. adesso ho capito chi era che cercava lo challah! ^^
    ti è venuto benissimo! è tanto che non lo faccio, per mettere i fotogrammi della treccia sul blog ero diventata cretina, ma in effetti poi presa la mano non è così complesso come sembra!

    RispondiElimina
  19. Mamma mia Fausta, ma hai realizzato un capolavoro!!!!!!! Che meraviglia questa pagnotta!!!!! Ti abbraccio forte forte e ti auguro tanta felicità per il nuovo anno!!!

    RispondiElimina
  20. Resto sempre invariabilmente sconvolta dalla tua abilità ed dai risultati dei tuoi esperimenti con i lievitati. La mia ammirazione sconfina la ragione e mi pone in una posizione di adorazione proprio perché io non ho la minima abilità con questo genere di preparazioni. Sei veramente bravissima, anche a trovare ricette originali e poco conosciute come questo challa. Credo forse di avere assaggiato questo pane a Ferrara, ma non potrei metterci la mano sul fuoco. Passo anche per farti gli auguri che non sono riuscita a farti prima di Natale con mi grande rammarico. Ti auguro una fine d'anno meravigliosa ed un inizio altrettanto fantastico. Un grande abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  21. Se se, continua pure così e vedrai come smetterò di scopiazzarti...vedrai...hennò, vedrai...ebbastaunpò...

    RispondiElimina
  22. Complimenti!È spettacolare il pane!Si vede che è soffice!Buon anno da Nani e Lolly

    RispondiElimina
  23. Molto bello e raffinato :) Mi piace sia in versione monocolore che mista, bravissima!!!
    Tantissimi auguri e un bacio,
    Francesca

    RispondiElimina
  24. inutile dirti che questo panne è bellissimo?! :)
    ti auguro un felicissimo e sereno anno nuovo! bacioni :*

    RispondiElimina
  25. ti è venuto favoloso un assaggino?

    RispondiElimina
  26. Sei davvero un portento! non bastava la treccia di pane già perfetta e bellissima di suo...l'hai realizzata addirittura in versione multicolor!
    Sono senza parole. Mi piace un sacco!!!!
    E mi hai fatto venire voglia pure di leggere il libro!
    Un bacio in fronte non te lo leva nessuno.
    Di ammirazione, di stupore, di affetto e di stima proprio pura e sincera.
    E con tanti auguri, soprattutto, per un 2012 che sia semplicemente...meraviglioso!

    RispondiElimina
  27. Che brava Fausta! Una treccia bellissima abbinata ad un libro molto interessante! ^_^
    Ti auguro un 2012 ricco di gioia e serenità!
    Un bacione grande

    RispondiElimina

Posta un commento