Passa ai contenuti principali

carbone dolce: fra poco é epifania



Così come l'ho trovata la dizione esatta sarebbe "zucchero roccia", ma tutti lo chiamiamo carbone dolce. Da piccola un pezzetto nella calza c'era sempre insieme a mandarini e caramelle... poco di più. La ricetta era su un numero di "A Tavola" di qualche anno fa, io l'avevo conservata e quest'anno ho voluto provare. Girellando nel web ho notato che alcuni aggiungono l'alcool (per liquori) che dovrebbe essere l'elemento che provoca la "lievitazione" del composto. In realtà "lievita" benissimo anche senza; la ricetta della rivista non prevedeva alcool ed io le ho dato fiducia. L'ho fatto ben due volte: la prima s'è risolta in un disastro a causa di un refuso nelle dosi; la seconda, invece (sensatamente corretta), mi ha dato una bella soddisfazione. Il risultato finale non è proprio uguale al carbone che si compra; quest'ultimo è più consistente, meno friabile. Però vi assicuro che farlo è stato un bel divertimento (bruciature a parte) e considerando che gli ingredienti sono "poveri" tutto sommato vale la pena di provare.
Naturalmente si può tingere con gli appositi coloranti ad uso alimentare. Io l'ho invece lasciato "nature"; non essendoci "piccoli" a girellare per casa, lo stiamo utilizzando come zucchero "decorativo" per servire i caffé ed i tè degli amici che vengono a trovarci. Un'idea davvero carina e "da riciclare".

Vi lascio anche con questa bella notizia: qualche giorno fa ho ricevuto la maglietta delle Bahamas, dono di Sara per la vittoria del suo contest. Eccola qui, carina, no? Grazie Sara!




Ingredienti:

500 grammi di zucchero semolato

200 grammi di acqua

45 grammi di zucchero a velo

10 grammi di albume

poche gocce di succo di limone (nella ricetta originale erano segnati 30 ml; davvero troppi per fare una glassa reale)

Esecuzione:
foderate con carta forno un recipiente che sopporti temperature elevate, di forma alta e stretta. Attenzione, questo è un passaggio importante; secondo me il massimo sarebbe utilizzare un'asparagera. Io non ce l'ho e quindi ho usato una pentolina alta c.ca 11 cm e dal diametro di 15 cm, che però s'è rivelata non sufficientemente alta. Nel caso potete anche far sbordare la carta forno, in modo da dare una maggiore altezza, magari rinforzando con due/tre strati pinzati insieme.

Mettete l'acqua e lo zucchero in una casseruola e cuocete fino ad una temperatura di 152 gradi (sì, lo so, serve il termometro!).
Nel frattempo mischiate con una frusta a mano lo zucchero a velo, l'albume ed il succo di limone fino ad ottenere una glassa bianca e densa.
Quando lo sciroppo è a temperatura spegnete il gas, versate la glassa e frustate energicamente. Trasferite immediatamente il composto nel contenitore che avevate preparato e qui si compirà una magia. Lo zucchero comincerà a "lievitare" (ecco perché se il contenitore dev'essere più alto) per poi "risedersi" leggermente; nel frattempo comincerà a raffreddarsi cristallizzandosi.
Lasciate raffreddare, sformate, togliete la carta forno e rompete in pezzi.
Se desiderate un prodotto colorato tingete la glassa o lo sciroppo di zucchero mentre sta cuocendo (io consiglierei la glassa). 

Commenti

  1. ma dai...non pensavo si potesse preparare in casa!!! bellissima idea!!! ;)

    RispondiElimina
  2. Il carbone nella calza è immancabile però homemade sarà ancora piu buono...copio tutto lo faccio per i miei piccoli!!baci,imma

    RispondiElimina
  3. Il carbone fatto in casa????????????? Fausta ma sei un genio! Questa mi è nuovissima!!!! Sicuramente molto più genuino e naturale di quello che solitamente ci regalano! Me la segno!!!!! Baci e felice anno nuovo!

    RispondiElimina
  4. hai fatto il carbone?????? io non ho il termometro...come faccio????? lo voglio...ho tanti bimbi che hanno fatto i monelli a cui piacerebbe =) bacio

    RispondiElimina
  5. anch'io l'ho fatto l'anno scorso per le mie piccole canaglie..... però alla fine ho dovuto mangiarmelo io, che monella non sono proprio!!! ;)

    RispondiElimina
  6. Bravissima!! Un' esecuzione perfetta!! Tesoro, non mi sono dimenticata di spedire il tuo regalino sai? Aspetto solo che finiscano queste feste per paura che vada perso...mi è appena successo con un pacco che ho spedito per lo swap di Cramberry!! La tua befanina arriverà tra qualche giorno...Un baciotto!

    RispondiElimina
  7. Genius....l'idea e' troppo bella che mi piace di piu' con destinazione adulta che infantile. Carino servirlo con il caffè, o il te o farlo trovare sul tovagliolo come segnaposto...tanto un po' cattivi lo siamo tutti! Bacione carissima!

    RispondiElimina
  8. Ma è mollica di pane, su, finiscila!

    RispondiElimina
  9. ma dai... non sapevo si potesse fare... complimenti mi segno la ricetta!!

    RispondiElimina
  10. bella idea,invece di quello industriale. Un bacio

    RispondiElimina
  11. avevo visto altri procedimenti molto più complessi e pure con passaggi un po' strani, insomma non mi son mai fidata...ma questo mi pare geniale e bellissimo!
    ne facciamo un po' col guttalax e lo mandiamo alle zecche? ahahahah
    :-)

    RispondiElimina
  12. Ma dai! Sei proprio un mito! Lo voglio fare anch'io. Grazie.

    RispondiElimina
  13. ma sei sempre un genio mi stupisci ogni volta

    RispondiElimina
  14. ciao cara, anche il carbone fai.....ma non è per i bimbi cattivi???? io ero una bimba buona e quindi non l'ho mai ricevuto e nemmeno assaggiato.....mi manca :((((
    un bacione

    RispondiElimina
  15. Ma dai Fausta, mi fai crepare di invidia...anche io volevo farlo, ma se non mi decido a comprare il termometro dovrò continuare a rinunciare a tante golosità!
    Ti è venuto benissimo!
    ciao loredana

    RispondiElimina
  16. Brava! Mi hai pure letto nel pensiero con questa ricetta!! :-)) Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. Stupendo...mi manca la pentola alta altrimenti partirei in quarta!!!!Ma per farlo nero che cosa consigli?

    RispondiElimina
  18. strabilinate, io proprio nonn so se avrei la pazienza, perché si, ingredienti poveri, ma procedimento che richiede preparazione tecnica.. Brava Fausta ;) sempre brava e perfetta!

    RispondiElimina
  19. bello, mi piace moltissimo invece bianco, ed è perfetto anche con nanetti che gironzolano per casa, perchè è più naturale.
    se non ti offendi, tanti auguri per il 6... sarà, ma io ci tengo tanto....

    RispondiElimina
  20. Faustidda, sei sicura dei gr dello zucchero a velo? Mi sembrano così pochi. Sorry...

    RispondiElimina
  21. Ah ah ah... infatti mentre scrivevo il post della pastina e coccole pensavo a te, a Tinny e a Rosario....e mi veniva da ridcere. Dopo pranzo farò il carbone. Poi ti faccio sapere..Ciaooooooo

    RispondiElimina
  22. E no!!!!!il carbone no...sono stata brava tutto l'anno....esigo solo diamanti e gioelli!!!!!!!!!
    Sto' scherzando ovviamente....brava bianco e' piu' naturale....ne preparero' un po' per mio marito!!!!!!
    Buona vita e buona cucina!!!

    RispondiElimina
  23. La tua maestria in cucina mi lascia sempre a bocca aperta... io da piccola il carbone dolce non lo sopportavo, ma solo perchè ero e sono ancora un po' permalosa, oggi invece ne sgranocchierei volentieri un pezzetto!

    RispondiElimina
  24. ancora non sei pronta ? e tardi io ho acquistato l'ultimo modello di scopa con turbo e tu? dai sbrigati che passo

    RispondiElimina
  25. stasera tutte in scopa mi raccomando copritevi mi piace il tuo blog sevuoi passa da me ciao

    RispondiElimina
  26. Ciao scopriomo solo ora il tuo blog davvero carino. Fantastico il carbone fatto in casa.
    Se ti va dai anche tu un occhio al nostro blog.

    Elisa e Laura.
    Semplicemente buono

    RispondiElimina
  27. Ma che bello e che buono il carbone bianco!!!!!Augurissimi befanina!!!!!

    RispondiElimina
  28. Oh sì: un pezzetto di carbone, mandarini, frutta secca e soldini di cioccolata, questa era la mia calzetta! ma il carbone fatto in casa lo trovo assolutamente romantico e dolce e solo tu potevi cimentarti!!!
    lasciato così al naturale poi, senza colori a disturbare l'effetto è ancora più magico.
    dirti brava sarebbe riduttivo, ma lo sei per davvero e allora beccati i complimenti più sfrenati ed esagerati!!!
    Baciotti grandi Faustidda bella, e buona Epifania!!

    RispondiElimina
  29. a tutte: auguri per la festa di oggi... se passate di qui prendetevi pure un pezzettino di carbone!

    Ale: difficile senza termometro... però prova col metodo che ti ho indicato chez toi!
    Fra: chi l'ha detto che non sei monella? Lascia decidere a noi... ;))
    Patrizia: non ero in ansia per il mio pacchettino; hai fatto benissimo. Caso mai sono solo curiosa di provarlo!!!
    Tinny: ma come hai fatto a capire??? Stregona o befana?
    Merendasinoira: io ci sto!
    Meris: fammi sapere!
    Lore: allora, sto termometro? E' ora di comprarlo!
    Elena: colorante nero... non facile da trovare, però! :(
    Monica: ricambio con gusto!
    Graal: mi sa che ci dovrai rinunciare...
    Giovanna: io ho la scopa che mi ha regalato Harry Potter... con quella farò in un attimo!
    Elena e Semplicemente buono: felice di conoscervi. Passo sicuro
    Luna: a chi va a Venezia per capodanno senza sentirsi almeno un po' in colpa io non ci parlo! Scherzo, eh???

    RispondiElimina
  30. non ho fatto il cattivo... almeno non troppo :D ma un po' del tuo carbone lo mangerei volentieri!! Buona befana!

    RispondiElimina
  31. Allora, eccomi qua. Non ho il termometro! Quindi cosa può essere successo secondo te? Non mi è venuto niente. Lo avevo perfino colorato di azzurro. Ma non lo butto, vuoi mettere dolcificare il caffè con lo zucchero azzurro? E' una figata. Però.....mettendo più zucchero nella glassa e non mettendo il colorante lo zucchero mi è venuto. Pari pari al tuo....almeno credo, ed è buonissimo.

    RispondiElimina
  32. Volevo dire che mi è venuto il carbone come il tuo...

    RispondiElimina
  33. Sempre bravissima la Fausta!!!
    Noi non festeggiamo l'Epifania e poi sono stata troppo brava e quindi non prendo il carbone ma aspetto il tuo prossimo favoloso dolce!!!
    Baci

    RispondiElimina
  34. Ma che bello questo carbone, e che bello il tuo blog! ciao Franci

    RispondiElimina

Posta un commento