w

22 marzo 2012

pane delle scimmie

Eccomi tornata.
Innanzi tutto ringrazio di cuore tutte/i coloro che hanno commentato la mia "torta margherite"; leggervi è sempre un piacere, anzi, qualcosa di più e se ancora non sono riuscita a passare da tutte voi per un saluto (e per mettermi in pari con le prelibatezze che nel frattempo avrete preparato!), prometto che nei prossimi giorni cercherò di colmare la lacuna. Purtroppo questo periodo mi vede davvero impegnata su diversi fronti ed almeno fino alla metà di aprile le mie visite saranno un po' "singhiozzanti"; cercherò comunque di fare il possibile per farmi perdonare la lunga assenza.
Vengo alla ricetta di oggi "rubata" da un libretto molto carino che ha come tema il brunch. Infatti proprio di una ricetta da brunch si tratta: il "monkey bread", un lievitato dolce ma non troppo, di origine anglosassone, fatto apposta per essere sbocconcellato e mangiato a pezzi, senza l'ausilio del coltello. Credo che il nome derivi proprio da questa particolarità con cui si consuma. E' molto buono ed aromatico; se non vi piace la cannella potrete naturalmente ometterla o sostituirla con altre spezie a voi più gradite. Anche la rifinitura può essere personalizzata; con una bianca glassa "colante", ad esempio; esistono inoltre versioni che vedono le palline di pasta lievitata inframmezzate da pezzetti di mela o banana. Io l'ho lasciato "nature" (tranne pochissimi pezzetti di mela che nella ricetta tralascio) e considerando che non è poi così ricco di grassi l'ho consumato senza troppi sensi di colpa.
Visto il successo, ve lo consiglio vivamente.

Ingredienti:
per la pasta
500 grammi di farina (io 250 manitoba e 250 00 bio)
300 grammi di latte parzialmente scremato
50 grammi di burro sciolto
15 grammi di lievito di birra
50 grammi di zucchero
scorza di un limone

inoltre (per la farcitura):
5 cucchiai di succo d'arancia
40 grammi di burro
150 grammi di zucchero
un cucchiaio di cannella

burro per ungere lo stampo


Esecuzione:
fate la fontana con le due farine setacciate. Ponete al centro il lievito e lo zucchero (solo i 50 grammi) e cominciate a versare il latte appena intiepidito. Aggiungete anche il burro sciolto (i 50 grammi previsti per la pasta) e la scorzetta di limone. Potete anche far sciogliere il burro aggiungendolo al latte e scaldando il tutto brevemente. Impastate bene fino ad ottenere una pasta setosa e liscia.
Lasciate lievitare fino al raddoppio. Vi occorrerà circa un'ora e mezza; il tempo varierà comunque  in base alla temperatura esterna.
Infarinate una spianatoia, versatevi l'impasto ed appiattitelo fino a formare un rettangolo alto un paio di centimetri. Suddividetelo in 64 pezzetti poi arrotondate a pallina ognuno di essi.
Preparate la farcitura: fate scaldare il succo d'arancia con il burro fino a quando quest'ultimo non sarà sciolto. Mischiate i 150 grammi di zucchero alla cannella.
Immergete ogni pallina di pasta nel composto succo d'arancia/burro e passate nello zucchero alla cannella. Ponete mano a mano un uno stampo a ciambella imburrato lasciando tra una pallina e l'altra un po' di spazio per la lievitazione. Continuate così formando strati successivi, andando man mano a "tappare" le zone rimaste libere.
Al termine spargete sul dolce l'eventuale zucchero e succo avanzati.
Lasciate nuovamente lievitare in luogo tiepido, coprendo. Ci vorrà circa mezz'ora.
Cuocete in forno caldo, a 180 gradi, per mezz'ora.
Per evitare che lo zucchero caramellato rimasto nello stampo si indurisca ed impedisca la sformatura del "pane" dovrete capovolgere la teglia sul piatto di portata pochi minuti dopo l'uscita dal forno.


                     
   
                           
   

41 commenti:

  1. Ma che bello questo pane dolce; sarà il prossimo esperimento. Buona serata.

    RispondiElimina
  2. bentornataaaa! sentivo la mancanza delle tue belle ricettuzze...!
    beh...comunque vengono sempre prima gli altri impegni...il blog è un passatempo e non può essere un impegno fisso!
    questo pane delle scimmie sembra sofficissimo...e bello da prendere a piccoli pezzi!
    baci

    RispondiElimina
  3. già il nome mi è simpatico!!! e chissà che buono! ;)

    RispondiElimina
  4. Il pane delle scimmie? ma sembra veramente buonooooooo

    RispondiElimina
  5. Mi sento un pò scimmia..... hahahaha BENTORNATA!!!!

    RispondiElimina
  6. Bentornata!

    Uhm credo di non aver mai mangiato il pane delle scimmie, però è ideale per un brunch!!!!

    baci

    RispondiElimina
  7. ciao cara Fausta, bentornata!!!!non conoscevo questo pane dolce, deve essere molto buono.
    Faccio fatica a commentare anche io, sto crollando dal sonno......troppo stress ultimamente.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
  8. Ho visto giusto ieri questa ricetta in un blog spagnolo, peccato che lo spagnolo non lo conosca e non ho capito nulla della ricetta, sei arrivata giusta giusta in mio soccorso! :D

    RispondiElimina
  9. Che buffa questa ricetta! Avevo adocchiato un pane simile fatto nello stampo da Cake nel libro di Linda Collister e mi aveva incuriosita da matti! Ora sì che mi hai tentata...non posso che porvare a farlo anche iO!

    RispondiElimina
  10. wow,una ricetta strepitosa Fausta...bentornata e un bacione:)

    RispondiElimina
  11. E sei tornata alla STRAGRANDE!!!!! Questo pane dolce è una meraviglia!!!
    Adesso mi spiego anche perché di là le ragazze stavano parlando di scimmie ahahahahah!!!
    bacioni carissima e spero di leggerti ancora presto

    RispondiElimina
  12. Che nome buffissimo e che forma particolare tutta a bocconcini. Omettere la cannella? E' una battuta vero? Ci sta piuttosto che ne raddoppi pure la dose, da "drogata" come sono. Mi sa davvero che qui un bocconcino tira l'altro fino a che resta solo il buco :)) Un bacio, bentornata ^_^

    RispondiElimina
  13. Bentornata! Torni con un piatto davvero curioso a partire dal nome. E come le scimmiette anche io adoro mangiare con le mani certe cose, anche se poi son capace di mangiare con coltello e forchetta anche il pollo arrosto. Come si dice a Firenze: "se 'un son grulli e 'un si vogliano!" :D e io lo sono. Baci a presto

    RispondiElimina
  14. Che bello ritrovarti Faustina, e con una ricetta che è fantastica. Una di quelle robe che non ti rendi conto ma dopo tre secondi ne sei dipendente. E' così bella anche da vedere in foto e deve essere una esplosione di profumo. Adesso mi studio bene la preparazione e poi magari ci provo. Non sparire carissima, ci sei mancata. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  15. che bello Fausta! torni con un piatto veramente interessante, come d'altronde tutte le tue ricette! a proposito di tue ricette, ho rifatto la torta di mele come ti avevo promeso... vieni a trovarmi se ti va!
    un caro saluto a presto
    :)
    Valeria

    RispondiElimina
  16. Ma che simpatica questa ricetta!! E' bellissima questa "costruzione", da segnare subito e utilizzare alla prima occasione in compagnia!

    RispondiElimina
  17. ........❀◕‿◕❀........
    εїз·Mucha Paz Amiga!!!
    ......★MaRiBeL★.....

    RispondiElimina
  18. Buonissimo il pane delle scimmie! anche io una volta ho provato a farlo ed è delizioso, tra una pallina e l'altra io avevo messo dell'uvetta e ci stava bene, con le mele chissà che buono. a presto!

    RispondiElimina
  19. Ciao Fausta, sono felicissima di leggerti..questo pane non l'ho mai sentito e mai provato, ma mi incuriosisce parecchio ! A presto e buona giornata.

    RispondiElimina
  20. ma è una meraviglia!! non avevo mai letto qualcosa di simile (sono una pessima foodblogger ) è una preparazione un pò lunghetta, quanto ci hai messo a fare tutto?? bravissima, è superoriginale!!!mi piace un sacco esteticamente e dagli'ingredienti direi anche come gusto potrei innamorarmene

    RispondiElimina
  21. Ciao carissima e bentornata!! Il tuo pane delle scimmie mi stuzzica non poco e credo che abbiamo lo stesso libricino!! Una ricetta davvero gustosa e da provare!! Un bacio grande e buon fine settimana....

    RispondiElimina
  22. Fantastico! Madonna quanto m'attizza...lo devo tradurre in sglutinato però e tutta quella farina mi impensierisce...ci proverò :)

    RispondiElimina
  23. ciao carissima ben ritornata fra noi :-) ma che nome stranissimo che ha questo dolce ed anche la sua forma a pezzettoni è particolare!!! Buon fine settimana :-)

    RispondiElimina
  24. Ma che bello! io no lo conoscevo ma la preparazione seppur complessa mi sembra proprio stimolante! devo assolutamente provare! Brava smack!

    RispondiElimina
  25. Bentornata!!!E con che ricetta poi!!!

    RispondiElimina
  26. Bentornata con un pane che può creare dipendenza. Un pezzo alla volta e finisce subito!

    RispondiElimina
  27. bentornata! ma per fare colazione con questa bella preparazione c'è un modo? ti devo corrompere? mi sa che me lo devo fare da sola vero? :-( che buono! bacioni :-X

    RispondiElimina
  28. Cioè praticamente hai rubato quelle balette a 64 scimmie...io non so come tu faccia a dormire la notte.

    RispondiElimina
  29. Appena ho letto il titolo nel mio blogroll ho pensato di aver capito male :o)
    E' un'idea simpaticissima e golosa. Mi piace!

    RispondiElimina
  30. Ne voglio un pezzo, ne voglio un pezzo...

    RispondiElimina
  31. Buona serata e felice domenica....ciao

    RispondiElimina
  32. Che spettacolo queste palline di pasta. Una volta che si comincia a piluccarne mi sa che non si riesce più a fermarsi...
    Buona notte!

    RispondiElimina
  33. ma ciao! Faustidda sei tornata e nemmeno ti avevo visto!
    Che bella questa sorta di ciambella chissà che profumo, ho della cannella molto grezza e proveniente direttamente dal bangladesh, dolcissima e forse per questo genere di usi è ottima :)
    un bacione a prestissimo!

    RispondiElimina
  34. non lo conoscevo ma mi attira tantissimo... che dici tesoro, ce la posso fare???
    baci baci

    RispondiElimina
  35. Bentornata cara!!!!
    Mi sono mancate le tue ricette sempre belle e originali!
    Questo "pane dolce al cucchiaio" mi era ignoto, ma sembra squisito!
    Mi raccomando, non farti sommergere troppo dagli impegni, tieni un po' di spazio libero x il tuo meraviglioso blog.
    Un bacio!

    RispondiElimina
  36. non preoccuparti per l'assenza, io poi che sto seguendo il blog a singhiozzo ti capisco bene ...ho parecchio fermento nel lavoro e in più il trasferimento di mia figlia da organizzare... si prospettano tempi complicati^^
    veniamo a questo pane dal nome buffo, io lo trovo geniale nel suo genere, e credo anche che si presti a varie nterpretazioni... appena ho un po' di calma me lo studio e lo provo! buona primavera!:-)

    RispondiElimina
  37. Oh caspita mi ero persa il tuo ritorno!! Bentornata Faustina bella, mi sei mancata!!
    Non ho mai visto questo pane, è curioso assai, per come è fatto e per il suo nome. Quest'ultimo, a dire il vero, mi inquieta un pochetto, ma sarei davvero curiosa di assaggiarlo!
    tanti bacetti, buona settimana!!

    RispondiElimina
  38. Che simpatico nome ha questo pane!! Bentornata!!! ;)

    RispondiElimina
  39. Fa venire l'acquolina a guardarlo... Succo d'arancia e cannella mi danno l'idea di qualcosa di buonissimo!

    RispondiElimina
  40. Che bene che ti é venuto...proprio co e quelli che si vedono sulle riviste americane...complimenti!

    RispondiElimina