w

16 aprile 2012

quasi una red velvet... quasi, molto "quasi"




Quasi, perché della "red" ha proprio poco.
Insomma è andata così: stufa di vedere quella povera torta di origine americana resa rossa da coloranti artificiali, ho fatto un po' di ricerche. In poche parole scopro che il colore rossastro era conferito, in origine, dalla reazione chimica tra l'acido del latticello con le antocianine contenute nel cacao. Purtroppo ora il cacao è trattato diversamente e credo che siano poche (e comunque non so quali) le marche di cacao che possono rendere possibile questa reazione chimica. Tant'è che in molti siti americani si raccomanda di non usare cacao olandese... salvo poi aggiungere comunque un colorante nell'impasto.
Allora, mi dico, perché non aggiungere la barbabietola (beh, sì, ultimamente la barbabietola in casa mia va forte...)?
Ci stavo meditando sopra quando scopro che la cosa non è poi così "geniale"; anche in America (sempre lì!) utilizzano questa radice per farne una torta, la Beetroot cake, dove viene utilizzato anche il cacao.
Ecco, lo faccio anch'io. Ottima torta (non aspettatevi la ricetta perché dalla delusione non l'ho neanche fotografata), ma nonostante la quantità di cacao sia veramente poca... il colore è marrone scuro. Dunque, basta, niente cacao. Ecco cos'è saltato fuori: un dolce vagamente arancionato (arancio mattone) dal sapore di una qualsiasi torta lievitata... insomma niente di eccezionale. Evidentemente la barbabietola, in cottura, si stinge. Peccato, perché da crudo l'impasto era davvero bello.
Mentre scrivevo il post mi è venuto anche il trip di andare a consultare Wikipedia ed ecco qui, se qualcuno ha voglia di leggere... 
Il sapore di barbabietola NON C'E', parola di marito "diffidente" (come sempre!).
Pensando che il risultato sarebbe stato rosso ho fatto una forma a cuore e come latticello ho usato questo più succo di limone; mentre come base di partenza per la ricetta ho scelto quella di "I dolci creativi di Sarù".
p.s.
purtroppo sono dovuta ritornare al vecchio modello a causa dello stress provocato da Tinny che non la finiva più di rompermi le scatole chiedendomi che fine avevano fatto le mie tazzine.
Scherzo! In realtà... i nuovi modeli dinamici non funzionano ancora bene. Aspetterò che Blogger risolva qualche problemino che impediva a qualcuno di postare un commento, a qualcun altro di scorrere la barra laterale per scendere ad altre ricette e così via. Pazienza! Sniff... mi piaceva così tanto..  



Ingredienti:
2 uova
180 grammi di zucchero
300 grammi di farina
60 grammi di panna
40 grammi di olio (io e.v.o. taggiasco)
120 grammi di latticello (per essere precisi: residuo della lavorazione del burro non fermentato. Sostituibile con latte e yogurth naturale in parti uguali)
una bustina di lievito
120 grammi di barbabietola cotta e frullata finemente
succo di due limoni


Esecuzione:
mettere in una ciotola le uova, la panna, l'olio, il latticello, il succo di limone e la barbabietola e frullare bene fino ad ottenere una crema.
Setacciare la farina con il lievito, aggiungere lo zucchero e versare la miscela, poca alla volta, nel contenitote degli ingredienti "liquidi" continuando nel contempo a mescolare con le fruste elettriche (oppure utilizzare una frusta a mano).
Versare in una tortiera coperta da carta forno ed infornare a 180 gradi per 30 minuti circa. Decorare a piacere.
 
                     
   
                           
   

55 commenti:

  1. Questo dolce mi sembra molto molto bello!! Anche se non ti è venuto rosso, ma solo arancione non importa, è sempre meglio che usare dei coloranti artificiali!!!
    Un abbraccio!!
    P.S. Ho qualche difficoltà a muovermi col nuovo design del blog...forse sono io che sono un po' impedita!!! Ciao

    RispondiElimina
  2. ...eh ma come ci vogliamo definire noi due? Il tuo cuore è molto, molto bello, anche se non è rosso :)
    la scorsa settimana, quella prima di Pasqua, anch'io ho fatto lo stesso identico esperimento, identico... ho omesso il cacao e l'impasto aveva un colore magnifico, da crudo. Ovviamente da cotto è diventato proprio come tu dici, un colore biscottato, nulla di che. Però la torta la rifarò con un'altra variante, appena arriva all'esselunga;) Il mio risultato è stato gradito sia da grandi che da piccini, perché infine ho colorato la crema bianca, frullando delle fragole. Era così buona che non ho fatto in tempo a fotografarla :)
    baci!

    RispondiElimina
  3. Eccomi, ti rispondo subito, non volevo metterti ansia!! Non riesco bene a scorrere la pagina, non visualizzo la barra dove cliccare per andare su e giù...ma forse è un problema del mio pc, delle mie impostazioni video...

    RispondiElimina
  4. No, non migliora molto, si rimpicciolisce il testo e la parte centrale della videata ma la barra del saliscendi (scusa ma non so come si chiama) non la vedo lo stesso....io faccio finta che ci sia e la uso lo stesso anche senza vederla! Se ne vede una ma se clicco sulla freccina per andare giù si apre una finestra di feedback...

    RispondiElimina
  5. Gli esperimenti è giusto farli..se mi viene in mente qualcosa, devo provarla, altrimenti il pensiero mi si ficca nel cervello e rimane lì, fisso !
    Detto questa, questa torta sarà una "quasi" red velvet, ma a me piace senza QUASI ! Mi piace proprio ! Un bacio...che belle le foto !

    RispondiElimina
  6. Anche se quasi per è lo steso divino.

    RispondiElimina
  7. Ma che bellaaaa! Mi piace l'utilizzo della barbabietola come colorante! Io in geenre uso il colorante rosso artificiale ma ne metto pochissimo perchè effettivamente mi da un pò fastidio mangiare una torta così colorata artificialmente!

    RispondiElimina
  8. Bella , bella, e sicuramente buonissima...Ciao, buona serata!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Si presenta benissimo questa torta, e chissà come è buona!!!!!!!

    anch'io sono contraria ai coloranti artificiali, quando si può meglio usare prodotti naturali^_^

    RispondiElimina
  10. hai sperimentato a quanto vedo! e il risultato non è male, a parte il colore che volevi avere
    il sapore sono sicuro è ottimo
    buona settimana!

    RispondiElimina
  11. ALLELUJA AALLELUJAA ALLEELUJA!!! Stasera posso non prendere i tranquillanti! ALLELUJA....

    RispondiElimina
  12. Ahhh, mi sento molto, molto meglio...basta rotellidde che girano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... hanno cominciato a girare a me...

      Elimina
  13. Che poi, scusa, quali tazzine??

    RispondiElimina
  14. Oh..... ma che meraviglia è??????? Come non affondare le fauci in cotanta delizia? Baciiii

    RispondiElimina
  15. La bontà la possiamo solo immaginare, ma le foto si possono giudicare: bellissime!

    RispondiElimina
  16. Ma sai che non sapevo di questa origine della Red Velvet Cake? E non sai quanto questa cosa mi faccia piacere: io odio i coloranti chimici! ;)
    Smack

    RispondiElimina
  17. buona la torta e, per la fine delle rotelline, credo proprio che quei modelli debbano ancora essere perfezionati...e poi, a me il tuo blog piace molto anche così!!!!
    Se ti va ho indetto (io che non ho tempo...) una raccolta "Componiamo il menù", mi fa piacere se vorrai partecipare! ---mi devo esssere incartata con le coniugazioni dei verbi----pazienza! ciao!

    RispondiElimina
  18. Non vorrei ricordare male ma per ottenere il "rosso naturale" andrebbe usato proprio il cacao olandese che essendo alcalinizzato reagisce con l'acidità del latticello sviluppando la colorazione rossastra. In ogni caso il tuo cuore alla barbabietola è intrigante in tutti i sensi. Mi incuriosice un sacco il suo uso per un dolce e non solo per il colore. Baci, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, Fede, io avevo capito proprio il contrario!!! Il mio inglese è un po' così così e per la traduzione Google non aiuta granché...
      Allora grazie per la precisazione (anzi, la correzione!). Ciao

      Elimina
  19. anche io avevo studiato a lungo una papabile versione della red senza l'uso del red artificiale, ma ero giunta alla conclusione che è impossibile, e mi pare che anche tu me ne dia la conferma : (

    RispondiElimina
  20. Anche io, come Federica, ricordavo una cosa simile per il cacao olandese, proprio la causa della reazione, ma non vorrei dire fischi per fiaschi. Pensavo, visto che con la barbabietola si possono davvero colorare un milione di cose, non pensi che si possa usare magari della polpa di fragole frullata (il colore è più tenue, ma il profumo ci pensi?)....questo per dirti che anche io apprezzo poco la red velvet per il fatto di dover usare il colorante, tranne poi averla fatta per il compleanno di mia figlia. Boh, la questione coloranti è molto spinosa.
    La tua torta comunque è stupenda, che te lo dico affà? Un bacione grandissimo, Pat

    RispondiElimina
  21. Mi sembra molto invitante lo stesso :o)

    RispondiElimina
  22. Ma tu l'hai resta molto red! Belle le foto! E la torta sarà buonissima perché è troppo bella!!

    RispondiElimina
  23. carinissima!la mia prima red velvet l'ho nominata pink velvet...pensa un po' tu!

    RispondiElimina
  24. peccato il nuovo modello dinamico non funziona bene...era raffinatissimo! ci stavo pensando anch'io! beh...aspetteremo!
    intanto la tua "quasi red velvet" mi sembra sicuramente più buona della red velvet...che sarà bella a vedersi....ma, sai anche a me non è che mi convince molto tutto quel colorante!
    bacioni

    RispondiElimina
  25. Puoi sempre chiamarla Orange-Red Cake!!! Mi mancava proprio passare dal tuo blog per un paio di risate! Sei troppo forte.
    A presto, Fra

    RispondiElimina
  26. uno spettacolo per gli occhi e per la golaaaaaa

    RispondiElimina
  27. Che dolce!!!!Per non parlare delle fotografie!!!
    Un abbraccio e buona giornata a te.

    RispondiElimina
  28. be cara anche la mia red velvet sembrava più rosa shocking che rossa ma era buona lo stesso, ed anche la tua si vede dalle foto che è buonissima, complimenti cara :-) e soprattutto complimenti per questi cambi d'abito repentini in un primo momento mi son detta: ma sbaglio o lo aveva cambiato l'abitino??? te possino :D buona giornata cara :-)

    RispondiElimina
  29. Buongiorno Fausta cara!!! A me questa torta dal colore naturale non dispiace affatto e l' utilizzo della barbabietola mi incuriosisce tantissimo anche perchè ci credi che non l' ho mai assaggiata? Hai fatto benissimo a sperimentare e il risultato secondo me è ottimo!! Peccato per il nuovo look del blog ma anche io come Timmy preferisco le tazzine!! Un bacione!

    RispondiElimina
  30. complimenti per la presentazione delle tue ricette! mi unisco ai tuoi lettori fissi!!

    RispondiElimina
  31. Ma quanti sperimenti nella tua cucina...!!! Meglio lasciar perdere con i coloranti, che di "alimentare" hanno ben poco. Lo abbiamo scoperto proprio una decina di giorni fa al supermercato leggendo incuriositi gli ingredienti di queste bottigliette. Ma soprattutto dovresti leggere le controindicazioni... uno spettacolo!!! :-)
    A me comunque questa torta piace... con quel colorino mi ricorda la torta di carote. Ha un bellissimo aspetto. Dici davvero che con il cioccolato non sta bene?
    Un bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì che sta bene! Forse mi sono spiegata male. L'ho fatta anche col cacao ed era ottima... ma io volevo provare a fare una torta rossa!!! Un abbraccio

      Elimina
  32. Questo bel colore arancio mattone a me piace.
    Mi sono persa i tuoi esperimenti con i modelli dinamici del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peccato... a me piaceva molto il mio nuovo look... ma non demordo! Fra qualche tempo rifarò l'esperimento. :))
      Ciao

      Elimina
  33. Ti diró che i dolci dai colori shocking mi hanno sempre tenuta lontana!! Certo, il risultato non è quello che volevi e qui capisco la delusione.. Ma, credimi, questo dolce è davvero invitante!! Baci

    RispondiElimina
  34. ...mmmh mi ispira questo rosso laccato e fiammante... rende il dolce ancor più leccornioso...

    RispondiElimina
  35. Un esperimento ha sempre pregi e difetti... magari con qualche altra prova renderai questa ricetta perfetta!
    Non mollare =)
    Un abbraccio, Chiara

    RispondiElimina
  36. Red or not red, che importa? Un altra favolosa torta!!! Bravissima come sempre e come sempre foto stupende!!!
    Baci

    RispondiElimina
  37. Non mi sono mai avvicinata ad una red velvet proprio perchè non mi piaceva l'idea del colorante, certo riuscire a rendere il colore in modo naturale sarebbe molto più bello, comunque anche rosa pallida un cuore così non mi dispiace affatto!!

    Buona giornata

    loredana

    RispondiElimina
  38. post molto interessante e soprattutto questa torta e'uno spettacolo!!veramente buona e poi mette allegria!anche io sul red velvet classico ho le mie perplessita'!

    RispondiElimina
  39. E' bellissima così....e poi quel cuore???? Sei bravissima cara mia. A me le rotelline ti dirò che piacciono....e non mi girano ma....

    RispondiElimina
  40. Ma lo sai che io ho fatto dei panzerotti con la barbabietola rossa cotta e frullata , li ho riempiti volevo che la crema una volta aperti fosse rossa ... Sorpresa rosa tenue ! Ma quando l ho fatta era rossa!!! Reazione con il caldo ?! Boh non l ho capito... Comunque e' stupenda la tua torta :-) baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me: reazione al caldo... la barbabietola stinge!!! Mannaggia a lei

      Elimina
  41. meglio un po' meno "red" ma genuina, che dici?^^

    RispondiElimina
  42. Che bellezza!Sembra buonissimo questo dolce!Complimentoni,carina!Un abbraccio forte!

    RispondiElimina
  43. Ciauuuuu! I tuoi esperimenti mi fanno sorridere: ti vedo concentrata davanti al PC a cercare soluzioni e motivazioni, con gli occhialini sul nasino!!!!! Che bella!
    E sei sempre geniale, hai trovato un modo originale per personalizzare un dolce, per renderlo TUO!
    Io ti adorooooo!!!!!!

    RispondiElimina
  44. quasi red o no a me sembra estremamente golosa! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  45. tesoro, ma qui siamo a livelli molto professional, parli un'altra lingua per me....
    un bacione

    RispondiElimina
  46. Ehi signorina, psss psss....io aspetto la sua Frangipane, sia ben chiaro! Dai, viene a fare parte dei pazzi dell'MTC....tu sei un elemento che può dare GRANDISSIMI CONTRIBUTI in genialità e follia! Dai dai dai.....
    PAt

    RispondiElimina
  47. Bello sperimentare in cucina!!!!! Io ne mangerei una bella fetta subito subito!!!!
    Un bacione e felice we!!!!!

    RispondiElimina
  48. Avevo perso di vista la tua bravura...ma ora eccomi qua!!!mi sono anche riscritta tra i tuoi sostenitori!!!ciaoo

    RispondiElimina