w

21 giugno 2012

le tante forme del pan brioche (con pasta madre)


In questi giorni in cui il caldo è esploso, anche il mio lievito madre è più attivo che mai. Allora, ho pensato, perché non fare un bel pan brioche (di cui avevo una voglia pazza, dopo un breve periodo di dieta "carboidrati free") proprio con questa pasta, senza dover però attendere interminabili tempi di lievitazione?
Dunque mi son messa all'opera e, se i tempi non sono stati proprio così brevi come pensavo, almeno la lievitazione è avvenuta perfettamente ed il risultato è stato apprezzato da tutti.
Tutti? Ma tutti chi?
E già perché... ero lì, in giardino, bella giuliva, alle 18,30, la tavola "apparecchiata" con le briochine spaparanzatre pronte per essere immortalate in uno scatto, quand'ecco che vedo la mia vicina di casa che comincia ad annaffiare il suo, di giardino. Foto scattate... la chiamo che venga per l'assaggio. Lei viene di corsa e fa: "buone!!!", ci giriamo ed ecco il marito che si affaccia alla ringhiera. Naturalmente lo invitiamo a scavalcare (la ringhiera medesima... tanto per non dover fare "il giro lungo") e lui non se lo fa dire due volte. Assaggia "buone!!!", ci giriamo ed ecco il figlio che ci guarda con sguardo concupiscente...
In poche parole alle sette di sera stavamo tutti praticamente "cenando" a suon di pan brioche. Tutti, proprio tutti no. Per la verità solo mio marito ed io, perché invece i vicini... erano invitati a cena (i genitori) mentre il figlio stava approntando un barbecue tra amici.
Mi piaceva l'idea di invasettare il pan brioche (cotto direttamente nei vasetti di terracotta) poi ho visto questo e questo ed ho scelto di fare tre forme diverse.


Ingredienti:
500 grammi di farina manitoba
230 grammi di pasta madre attiva (rinfrescata almeno qualche ora prima)   
100 grammi di burro
80 grammi di zucchero
2 uova
150 grammi di latte tiepido
3 cucchiai di limoncello
scorza grattugiata di un limone
un pizzico di sale
per il decoro:
zucchero a velo, qualche goccia di limone, qualche goccia di essenza di vaniglia, confettini colorati, sciropo d'anice, liquirizia in polvere
per il ripieno:
mezza mela, un paio di amaretti, qualche goccia di cioccolato
latte o tuorlo d'uovo per spennellare


Esecuzione:
sciogliete il lievito madre nel latte tiepido a cui avrete aggiunto lo zucchero.
Aggiungete la farina, le uova, il sale ed amalgamate bene. Unite il limoncello e la scorza di limone e, per ultimo, il burro ammorbidito.
Impastate molto bene, almeno per una decina di minuti; l'operazione sarà più facile con l'aiuto di una planetaria.
Al termine versate la pasta su una spianatoia leggermente infarinata, stendetela a rettangolo e piegatela in tre (portate uno dei "lati" corti della pasta leggermente oltre la metà del rettangolo poi sovrapponete la pasta restante), ripetete  questo passaggio per un paio di volte poi formate una palla, coprite e lasciate lievitare fino al raddoppio.
Io ho fatto l'impasto la sera precedente poi l'ho messo in frigo. La mattina successiva l'ho riportato a temperatura ambiente ed ho aspettato che lievitasse (4-5 ore circa in totale).
Date al vostro pan brioche la forma che più vi piace, spennellate con tuorlo d'uovo o latte, lasciate riprendere la lievitazione per un'oretta poi infornate a forno spento (l'ho letto da qualche parte ed ho voluto provare: funziona). Impostate la temperatura a 180 gradi e cuocete fino a coloritura (i tempi dipenderanno dalla dimensione dei vostri "pani").
Per le treccine: guardate il video (le mie, crude, pesavano cica 75 grammi l'una). Una volta fatte potrete glassarle con una ghiaccia di acqua, zucchero a velo e qualche goccia di succo di limone e di essenza di vaniglia. 
Per i vasetti: (circa 100 grammi di pasta l'uno) ho diviso la pasta a metà e formato due filoncini, li ho intrecciati, sistemati nei vasetti foderati di cartaforno ed ho cotto direttamente nella terracotta. Al termine li ho glassati con una ghiaccia composta da zucchero a velo e sciroppo d'anice, poi ho cosparso con polvere di liquirizia e qualche confettino colorato.


Per il pan brioche ripieno: trovate qui il metodo si "intreccio". Io l'ho semplicemente imbottito con mezza mela finemente tagliata, qualche amaretto sbriciolato e gocce di cioccolato.



    


                     
   
                           
   

38 commenti:

  1. Sto facendo gnam gnam gnam! Che buone! Io da quando uso il lievito madre per farci il pane, me ne mangio finchè mi va e non mi sento gonfia, ne mi si gonfia la pancia! Evviva il lievito madre!

    RispondiElimina
  2. E te credo che hai raccolto il vicinato con quelle nuvolette sofficiose :) A vederle fare le ciambelline non sembrano complicate ma in verità con le formature sono una frana e mezza (non mezza frana!) però i vasetti di terracotta li vogliooooooooooo! Mi serve un vivaio :D! Sono bellissimissimi nel coccio. Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  3. Ti dirò che non mi spiacerebbe affatto vivere vicina, vicina, vicina a te :) Ed in particolare, non mi dispiacerebbe affatto fare da assaggiatrice di corte ;)
    Cara, le foto sono meravigliose, e il tuo panbrioche ha un aspetto meraviglioso :)
    Un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
  4. proprio non ce la faccio a vedere cotanta bontà e bellezza d'immagini senza provare invidia! ...prendilo come un complimento, mi raccomando.

    RispondiElimina
  5. complimenti sono meravigliose!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Bellissime le forme, le foto e che bontà devono essere... complimenti! Un saluto dai golosi...

    RispondiElimina
  7. che bontà!!!!!!!!!!! un bel cappuccio, magari di domenica mattina........

    RispondiElimina
  8. stupende,Fasustaaaaaaa!!!!!non poteva essere diverso,l'assalto dei vicini,a queste meravigliose brioches!!le forme sono bellissime e l'idea dei vasetti è super!!sei strabiliante!!smackkkkkkk

    RispondiElimina
  9. Eh si! Proprio proprio belli!
    Se fossi stata tua vicina e non fossi stata celiaca...mi ci sarei fiondata senza mariti e dintorni ;)

    RispondiElimina
  10. Sono veramente bellissime e golosissime. L'idea poi dei vasetti di terracotta sono una "chicca".

    RispondiElimina
  11. Bellissima scena :)
    Ottime brioches!

    RispondiElimina
  12. Oh, ma che meraviglia!!!e che belle forme! Ciao, buona serata...

    RispondiElimina
  13. Cavolo ma sono la perfezione !!! Direi che e' il sogno di tutte abitare vicino a te:-D queste sarebbero perfette per la mia colazione!!! Baci

    RispondiElimina
  14. Anch'io voglio essere tua vicina di casa!!!! Che bontà!!!

    RispondiElimina
  15. Non saprei quali scegliere...ne posso prendere uno per ogni formato?
    Bravissima!!!

    RispondiElimina
  16. uan meraviglia e che forme deliziose hai saputo dare, brava Fausta

    RispondiElimina
  17. Il pan brioche sà essere sempre un successo

    RispondiElimina
  18. A saperlo scavalcavo anche io il recinto!!! ;)
    Al panbrioche di lm io non resito e quell'aromo del limoncello sicuramente gli dona un profumo irresistibile!

    Buona we

    loredana

    RispondiElimina
  19. Meraviglioso il tuo pan brioche! ho già virtualmente scavalcato la ringhiera e addentato una di queste delizie!!!

    RispondiElimina
  20. Chi era quella che aveva la casa di pan di zucchero e catturava bambini indifesi con dolcini profumati??
    ...Ecco...proprio quella...

    RispondiElimina
  21. Che foto meravigliose Fausta!!!! E che ricetta meravigliosa!!!! Avevo visto il pane cotto nei vasetti di terracotta, ma le briochine non ancora... un abbraccio, sei sempre fantastica!

    RispondiElimina
  22. Sono una più bella dell'altra...adoro le brioche!
    Proverò molto volentieri la tua ricetta , grazie :)

    RispondiElimina
  23. Una meglio dell'altra!!!!!!!!! Sei super ;)

    RispondiElimina
  24. Ciao Fausta, a me queste brioche fanno gola vedendole in foto, immagino la gioia i tuoi vicini che ne hanno sentito l'odore e soprattutto il sapore!!!
    P.S. grazie per essere passata da me, purtroppo è un periodo di lavoro intenso e poca ispirazione, speriamo passi presto.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  25. E proprio bello avere dei vicini di casa così carini e disponibili. Anche x me è lo stesso e devo dire che mi ritengo fortunata! Non tutti riescono ad avere buoni rapporti!
    Del resto peró, come potevano dire di NO alle tue creazioni???? Solo a guardarle mi gira la testa!!! Belle soffici!!!
    Mi trasferisco in Liguria!!!!!
    Un bacione cara!

    RispondiElimina
  26. E' troppo goloso questo panbrioche!!!!Troppo bello a vedersi, troppo invitante!!!Anche io sono in periodo di grande limitazione di carboidrati ma.,.non è la fame a farmi scrivere questi apprezzamenti!!Sei tu che sei sempre mervigliosa in ogni cosa che fai!!!!!Complimenti sinceri. Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  27. Come sempre hai creato dei capolavori!!! Ma che vicina di casa fortunata!!! Non è, per caso, intenzionata a cambiare casa???? Se si fammi un fischio che arrivo....
    Buon fine settimana
    Baci

    RispondiElimina
  28. Che spettacolo!Mamma mia!Complimenti,carissima!Buona Domenica!

    RispondiElimina
  29. Belle belle belle con queste forme!
    I vicini sono una piaga :o)

    RispondiElimina
  30. ma che idee carinissime ti son venuti una favola

    RispondiElimina
  31. Che meraviglia!!!! Sono splendide e morbidissime si vede anche dalle foto! Vicini fortunati!

    RispondiElimina
  32. Foto meravigliose!! Forme meravigliose!! Sei bravissima, una gioia per gli occhi e per il palato.
    Fortunatissimi i tuoi vicini!!!!!!!!!!
    Un bacio grande!!!!!

    RispondiElimina
  33. adoro il panbrioches, questo è semplicemente fantastico!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  34. ti vorrei anch'io come vicina se offri queste bontà!!! poi sono bellissime davvero e presentate anche benissimo!!! ciaooooo

    RispondiElimina
  35. La prossima volta avvertimi che provo ad attraversare l'ipad!!?...comunque copio subito anche questa....devo fare i compiti con la pasta madre e cercavo giusto un primo dolcino......

    RispondiElimina