w

23 novembre 2012

pie di brisé all'olio con carciofi, patate ed olive


La cosa più divertente in assoluto per me, relativamente a questo nuovo progetto, è il fatto di poter assaggiare olii diversi da quello a cui da anni sono abituata e con questi pensare prima e preparare poi, qualche cibo che sia “in linea” con le proprietà organolettiche del condimento.
Non sono un'intenditrice, ma distinguere almeno tra un olio dai toni forti, piccanti od amari ed un altro dal sapore più tenue e delicato, questo so farlo ed è davvero un ottimo olio appartenente alla seconda categoria quello che ho utilizzato per la mia ricetta.
Da qualche tempo mi sono “affezionata” alla frolla all'olio; che ci posso fare? Mi piace ed è molto più salutare della versione al burro; almeno per me che ho i livelli di colesterolo... lasciamo perdere.
Cos'è sto "fuggi-fuggi"? Non l'ho ancora postata
Dalla frolla alla brisé il passo è breve ed eccomi pronta a preparare questa pasta friabilissima e semplice che non ha nulla da invidiare alla versione originale.
Col senno di poi potrei anche dire che quest'olio è talmente delicato e fruttato che ne avrei potuto ricavare un dolce, ma ormai... sarà per la prossima volta.
I carciofi sono di stagione ed ho voluto utilizzarli come ripieno al mio tortino. Sono andata sullo spinoso d'Albenga, una delle poche varietà, peraltro ottima, che trovo qui da noi.
Con i carciofi: patate ed olive (taggiasche... ma vah?); un abbinamento forse scontato ma sempre vincente.
L'utilizzo per la prima volta di una farina speciale, qualche erba aromatica ed un tocco speziato ed ecco pronto il piatto...

Il progetto cui accennavo lassù è questo... ma l'avevate capito, no?


Se "passerete" di là troverete anche le nuove ricette delle mie "compagne di viaggio"... Teresa, Pat, Stefania,


Ingredienti (dosi per 4 pies monoporzione da circa 10 cm di diametro)
per la pasta:
300 grammi di farina di enkir (farro monococco, sosituibile con farro o farina 00)
90 grammi di olio e.v. varietà “Rosciola”
un albume medio
un pizzico di sale
per il ripieno:
3 carciofi spinosi d'Albenga (o varietà a scelta)
2 spicchi d'aglio
300 grammi di patate (crude)
un tuorlo
qualche oliva taggiasca (sott'olio o in salamoia) o in alternativa paté d'olive*
succo di mezzo limone
due rametti di timo limone
olio e.v. varietà “Rosciola” q.b.
gomasio, sommacco, sale q.b.

Esecuzione:
mischiate la farina con l'olio passandovela tra le mani per ottenere un composto “sbriciolato”.
Unite l'albume ed il pizzico di sale ed impastate. Se necessario ad ottenere una pasta malleabile aggiungete un cucchiaio di acqua fredda.
Formate una palla e lasciate riposare per mezz'ora.
Nel frattempo preparate il ripeno.
Pulite i carciofi mettendoli man mano a bagno in acqua acidulata con succo di limone per evitare l'annerimento.
Mettete qualche cucchiaio di olio in una padella ed unite gli spicchi d'aglio privati della buccia. Fate dorare appena poi aggiungete anche i carciofi lavati e tagliati a fettine e portate a cottura insieme a qualche goccia di succo di limone e a qualche cucchiaio di acqua. Non lasciate asciugare eccessivamente il composto.
A fine cottura unite le foglioline di timo limone, due cucchiaini di gomasio (semi di sesamo tostati e frullati con sale), le olive eventualmente denocciolate, il sommacco, poi regolate di sale.
Sbucciate le patate e riducetele a julienne con l'apposito attrezzo.
Stendete sottilmente la pasta su un piano infarinato; aiutatevi con un po' di farina per evitare che la pasta si attacchi al piano o al matterello. Con questa sfoglia foderate 4 piccole teglie monoporzione imburrate ed infarinate.
Bucherellate la pasta con i rebbi di una forchetta poi formate uno strato di patate ed uno di carciofi.
Le patate crude si cuoceranno assorbendo l'umidità in eccesso dei carciofi, consentendo così anche una cottura uniforme della pasta.
Chiudete il pie con una seconda sfoglia, premendo bene i bordi e formando a piacere un motivo decorativo.
Formate un foro al centro per la fuoriuscita del vapore e ponetevi un piccolo cono di cartaforno per evitarne la chiusura, spennellate con il tuorlo allungato con un po' d'acqua o di latte, decorate a piacere e cuocete in forno caldo, a 180 gradi, per 20 minuti o fino a coloritura. Servite caldo accompagnando, se avrete omesso le olive nel ripieno, con paté d'olive*.

39 commenti:

  1. Fantastica idea: adoro i carciofi e l'abbinamento con la brisé mi sembra azzeccatissimo!!! Bacioni

    RispondiElimina
  2. Mette voglia solo a guardarla, e conoscendo il gusto dell'olio che hai usato io dico che è un insieme equilibratissimo e perfetto... :))

    RispondiElimina
  3. Io non ho il coraggio di fare la pasta brise che paura!!!! tu sei stata bravissima e questo ripieno e stupendo!!! gnammy! buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Che ricetta!!!!! Non ho mai fatto il pie, si presenta molto bene! Complimenti

    RispondiElimina
  5. Bè Faustidda da figlia di produttore di olio posso solo essere favorevole a questa bellissima iniziativa.
    ...
    Anche la tua tortidda di carciofiddi merita...o saranno le foto che ingannano???...Mah...

    RispondiElimina
  6. Scontato mai....vincente sempre!!!!
    Sarà che siamo quasi "vicine di casa" ma questi sapori per il mio palato ed il mio piatto rappresentano l'eccellenza assoluta, poi....viene il resto!

    Un abbraccio

    Fabiana

    RispondiElimina
  7. Viene voglia di mangiarlo. Sono una grande amante dell'olio, quindi non posso che essere favorevole a questa vostra iniziativa.

    RispondiElimina
  8. Ma che ricetta....sono appena tortata dal lavoro... a digiuno da questa mattina... e tu così mi fai venire una gran acquolina in bocca!!!! Ottima! Ti copio la ricetta della base e ti invio un grosso smack!!!!

    RispondiElimina
  9. Mi piace tantissimo. La frolla all'olio d'oliva l'ho rifatta in passato e trovo che sia più friabile persino di quella con il burro. Il ripieno poi, lasciamelo dire, è completamente nelle mie corde....ma lo puoi anche capire visto che in pratica ho usato 2 dei 3 ingredienti che tu hai scelto. Anche se le mie patate sono viola, ma sempre patate sono.
    Le tue presentazioni poi sono sempre così eleganti....splendida davvero. Un bacione cara Fausta, Pat

    RispondiElimina
  10. Questa brise' e' fantastica, già me la sono segnata !!! Non l'ho mai provata con l olio e io non mettevo l albume . Poi il ripieno e' strepitoso un abbonamenti perfetto !!!
    Un bacione

    RispondiElimina
  11. TU SEI TROPPO AVANTI! Addirittura la brisé all'olio! e nonostante, visto l'ora, sia stra sazi, riesco comunque a sbavare davanti alla tua foto!

    RispondiElimina
  12. Ti rispondo qui perché mi sembra giusto. Certo che conosco Marco Bianchi ed ho seguito anche una sua rivista di cucina naturale molto interessante. Questa cosa che mi dici mi fa cadere le braccia. MA davvero! Io ho accennato la cosa sul post perché parlare di margarina su un blog di cucina in questo periodo può essere causa di polemiche neanche troppo piccole. Ma la verità vera è che la margarina fa male e mille volte burro prima che quella roba entri in casa mia. Così come la panna vegetale o confezionata ed altre stregonerie di questo genere. Olio extravergine forever (soprattutto per friggere!). Un abbraccio socia! Pat

    RispondiElimina
  13. Io impazzisco per l'olio, poi, da pugliese verace, ho una gran tradizione in tal senso..e ora sto aspettano con ansia l'olio nuovo :)
    Questa Pie è fantastica..ma sto cercando di sforzarmi e ricordare se tu abbia mai presentato qualche piatto che a me non è piaciuto ;)
    Ti abbraccio forte ! Buon week end !

    RispondiElimina
  14. Alla brisee con l'olio non sono ancora arrivata, mi hai dato un'idea ;) A me il ripieno non sembra scontato anzi, mi fai venire una gran fame a quest'ora!!! un abbraccione

    RispondiElimina
  15. Molto intrigante la brisè all'olio d'oliva, specialmente con un olio delicato e fruttato dev'essere molto buona! Il ripieno è senza dubbio vincente, bravissima!!!
    Un bacione e buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. Son cresciuta con l'olio d'oliva del nonno. Certo non sono un'intenditrice, diciamo anche che è l'unico che conosco ma lo preferisco sicuramente al burro ergo...vai di brisèe alternativa che pur non avendo mai fatto sono convinta non abbia sulla da invidiare all'originale. Anche la frolla mi piace di più all'olio :) Con i carociofi poi ci farei pure colazione. Questa pie è uno spettacolo.
    Sana invidia per la farina di Enkir che ancora non sono riuscita a trovare ma non demordo. Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  17. WOW Fausta non ho mai fatto nè la frolla nè la brisée con l'olio e mi sa che mi devo spicciare! La presentazione è bellissima (le cocottine sono adorabili!!)... Un bascio cara amica!

    RispondiElimina
  18. questo pie è splendido cara, vien voglia di infilarci la forchetta, non ho ancora mangiato carciofi ma questa è una ricetta fantastica!! ho fatto una lezione di olii durante un corso e devo dire che è un'argomento molto interessante, si dovrebbero valorizzare i piatti a seconda della qualità scelta!! un bacione

    RispondiElimina
  19. Presa!!!
    La brisée la faccio spesso, e questa me la segno, il ripieno che te lo dico a fà , me gusta mucho!!!!
    Le foto come sempre mi incantano
    Bacioni

    RispondiElimina
  20. Anch'io rimango incantata dalle tue foto ed ora mi segno la brisè all'olio. Grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  21. come sempre brava con le tue foto super e con ricette che fanno venire l'acquolina!!!ciaoo cara

    RispondiElimina
  22. Interessante questa ricetta, non ho mai provato la brisè all'olio, ma penso sia molto buona come del resto vale per la frolla all'olio, l'importante è la scelta di un olio delicato, brava penso di provarla molto presto un abbraccio!

    RispondiElimina
  23. Bravissima Faustizdda!! Sperimentare nuove soluzioni su cose ormai date per scontato rivela una grande capacità di innovazione!
    Mi incuriosiscono molto questi olii di cui parlate e mi fa piacere scoprirli di volta in volta!

    Anche a colazione non disdegnerei uno di quei tortini!!! ;)

    RispondiElimina
  24. Che deliziaaaa...
    mi è venuta fameeeeeee!!!!♧❤

    RispondiElimina
  25. Ti sorprenderò con effetti speciali, mia cara.
    C'è stato un momento della mia vita in cui ho fatto con una certa frequenza la brisè...e anche con un certo successo.
    Questa versione mi sembra eccezionale e mi sembra di aver capito che sia di gran lunga più salutare che la versione con burro o peggio margarina?
    Come vorrei bruciare chilometri e venirne a gustare una fettina, piccola piccola, da te. Sarà sicuramente ottima.
    Baci

    RispondiElimina
  26. ha un aspetto gustosissimo questa trota salata,Flavia!mi piace molto il ripieno che hai usato e poi,con l'olio sara' leggerissima!!complimenti e bacioni,cara^;*

    RispondiElimina
  27. ciao Faustidda, oltre a farti i complimenti per l'ottima torta ripiena (la brisé all'olio è, insieme a quella al vino, tra le mie preferite:)), sono a chiederti lumi per quanto ancora riguarda lo spazio di archiviazione: mesi fa avevo fatto un upgrade gratuito entrando nella cerchia Google, come mi consigliavi. Ora mi dice che ho esaurito anche quello spazio e propone piani d'acquisto da minimo 2,49$ mese. Non trovo altre notizie in rete, secondo te ci sono alternative? Es. utilizzare un account che ho già in essere con photobucket per le foto del layout del blog...?

    RispondiElimina
  28. E' un capolavoro questa pie!! :-) Uffa, perchè se i carciofi sono di stagione, non arrivano fin quassù?? li adoro, ma da noi sono importati e al momento nei negozi non si trovano!!

    grazie per la tua visita e il tuo caro commento. eh si l'assistente era mooolto indaffarato, era il più stanco di tutti!!!!

    ciao ciao
    Dany

    RispondiElimina
  29. Ciao cara, curiosa questa cosa dell'olio, il palato va allenato e assecondato. Non posso commentare questa pie perchè i carciofi proprio non mi piacciono... ma sarà sicuramente buona, per chi ne ama il sapore. Un abbraccio da una Celeste di ritorno.

    RispondiElimina
  30. concordo con il tuo pensiero, tra l'altro sono pure intollerante al burro...deliziosa la tua pie, tutti ingredienti che adoro, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  31. adoro sia la brisé che hai fatto con l'olio che i carciofi...complimenti!

    RispondiElimina
  32. Bella qs ricetta, segnata!
    Complimenti per qs progetto!

    RispondiElimina
  33. Bellissima questa pie!! Ho segnato subito la ricetta! Anch'io sto provando tutte le basi senza olio, com'è la frolla di cui parli?
    Ciao, franci

    RispondiElimina
  34. Che meraviglia!!!!! Mi piacciono le monoporzioni in cucina e il ripieno e gustosissimo. Il gomasio lo conosco ma il sommacco cos'è? grazie mille! Baci

    RispondiElimina
  35. Mamma che gola che mi fanno le torte salate!!! Io di solito le preparo con la pasta del pane :-) la tua sembra davvero deliziosa! Un bacione faustidda :-D ciao!

    Federica :-)

    RispondiElimina
  36. Ah!! Dimenticavo di dirti che domani pubblichero' un'altra video ricetta con tema il menu di Natale !! Ciao :-) baci

    RispondiElimina