w

29 marzo 2013

skordalia con verdure


Ancora un'ispirazione tratta da un libro: Il libro delle salse. 
Un solo libro che comprende tutte (facciamo quasi... o tante) le salse del mondo, suddivise per continenti. 
Insomma: lo vedo (è così bello!), me ne innamoro (foto magnifiche), lo compro (è pure a remainder e strascontato...), lo sfoglio e tra le tante ricette questa skordalia mi stuzzica. Se amate l'aglio farà per voi... altrimenti lasciate perdere. 
Alcune versioni prevedono la frutta secca (noci o mandorle), altre il pane anziché le patate, ma io di questa versione mi sono innamorata e questa riporto. Gli ingredienti sono talmente semplici e pochi che se i prodotti che utilizzate non sono di qualità, la skordalia ne risentirà inevitabilmente. 
Patate, aglio, olio, succo di limone; tutto qui. Ecco perché ho utilizzato un fantastico olio extra vergine biologico, il siciliano olio Centonze. Assaggiato a crudo è meraviglioso, dal sapore fruttato e pieno, si presta benissimo alla preparazione di piatti dal gusto deciso. Come la skordalia che, una volta assaggiata... non scorderete più.
Tipicamente servita con pesce fritto (baccalà), può essere anche utilizzata come accompagnamento di barbabietole o verdute lessate o fritte. Ho scelto queste ultime, friggendole nello stesso olio, perché ci tengo a sottolineare come l'extra vergine sia anche il miglior olio per la frittura, avendo un punto di fumo molto alto. Tutte le dicerie circa la presunta "pesantezza" cadono di fronte ad un fritto fatto bene e se proprio fritto dev'essere, che almeno sia fatto con un grasso sano. L'immersione nel latte ha reso le verdure davvero croccanti ed asciutte, perfette in accompagnamento della crema vellutata. 
Ingredienti per 4 persone:
200 grammi di patate
2 piccoli spicchi d'aglio
un cucchiaio di succo di limone 
90 grammi di olio extra vergine d'oliva (io bio Centonze) + altro per la frittura
sale q.b.
inoltre:
verdure a piacere (io carote, finocchi, porri, carciofi)
qualche cucchiaio di latte
qualche cucchiaio di farina di grano duro


Esecuzione:
lessate le patate con la buccia; una volte cotte sbucciatele e, ancora calde, passatele nello schiacciapatate come fareste per un normale puré.
Pulite gli spicchi d'aglio privandoli del germoglio e frullateli con l'olio ed il succo di limone. Unite questo condimento al puré e regolate di sale. Aggiungete anche qualche cucchiaio di acqua tiepida per rendere la crema più morbida. 
La skordalia può essere servita tiepida o a temperatura ambiente. In ogni caso, una volta che non sarà più calda, potrete frullare il composto con un mixer ad immersione in modo da rendere tutto molto cremoso ed omogeneo.
Per le verdure: pulitele, tagliatele finemente ed immergetele in un po' di latte. Una volta ben bagnate, scolatele e passatele nella farina di grano duro, scuotendo via l'eccesso. Friggete in abbondante olio extra vergine d'oliva, ben caldo, per pochi minuti finché non saranno croccanti. Salatele solo dopo la frittura. 
 

20 commenti:

  1. Sfiziosissima questa ricettina!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao ,Buona Pasqua!
    Non dirlo a nessuno(da queste parti mi picchierebbero),la skordalia la mangio col fish and chips.
    Goduria pura!
    Un bacione.

    RispondiElimina
  3. Intrigante la skordalia, quasi quasi questa sera...
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  4. Ma non la conoscevo nella maniera più assoluta... bellissima!!! Approfitto per augurarti buona pasqua! Un bascio!!!

    RispondiElimina
  5. Tanti cari auguri per una serena e gioiosa Pasqua
    un abbraccio
    Alice

    RispondiElimina
  6. Io impazzisco per tutto ciò che è salsa ! E' una vera mania...mi piace prendere ingredienti e mescolarli, emulsionarli..questa salsinna è molto molto interessante..poi c'è il limone che ADORO !..e poi, mi piace il suo nome..SKORDALIA..
    Grazie davvero :) Un abbraccio stretto e a presto !
    Colgo l'occasione per lasciarti i miei auguri di buona Pasqua :)

    RispondiElimina
  7. Mannaggia... peccato che ci sia l'aglio!! Che dici, la si può provare anche senza o è meglio lasciar perdere perché a quel punto è tutta un'altra cosa?!
    Ti lascio tantissimi Auguri per una serena e super felice Pasqua.

    RispondiElimina
  8. che bella e stuzzicante questa salsa!!mai sentita:))felice Pasqua e pasquetta,Flavia!!un abbraccio^__^

    RispondiElimina
  9. Già il nome mi piace. Deve essere pure gustosa.
    Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  10. E sì, chissà perché, preferisco anche io la versione con le patate...;)

    RispondiElimina
  11. Con un nome così simpatico già mi piace ;)
    Questa cosa delle verdure immerse del latte mi è nuova cercherò di ricordarmene la prossima volta...
    Buona Pasqua mia cara amica!

    RispondiElimina
  12. bello!! a me le salsine di abbinamento piacciono sempre moltissimo, non conoscevo questa ma dev'essere buonissima, la versione col pane non so immaginarla ma con la frutta secca mi piacerebbe!!!! felicissima pasqua un bacino

    RispondiElimina
  13. Passavo da queste parti per farti gli auguri di Pasqua e ti trovo la ricetta di una salsina davvero interessante visto che spesso dalle mie parti si cucina pesce! Ops quasi quasi mi dimenticavo Dolcissimi auguri mia cara amica!

    RispondiElimina
  14. Questa cosa di lasciarle a mollo nel latte mi interessa, in genere lascio a bagno le patate nell'acqua le patate che devo fare arrosto, ma questa cosa del latte non la sapevo. Quante cose si impara!!
    :)
    E la skordalia? Geniale, amo le salse e cerco sempre ispirazioni, eccola qua!
    Cara un abbraccio e buona Pasqua a te e famiglia

    RispondiElimina
  15. Non conoscevo assolutamente la Skordalia, quando mi hai comunicato il titolo della ricetta mi sono incuriosita subito, pensando ad un gioco di parole. E invece....eccola qui, in tutto la sua bontà. Ahimé, mangio poco aglio, anche se mi piace da morire. Il guaio è che non lo digerisco, quindi se chiudo gli occhi, posso 'sentire' e immaginare il meraviglioso sapore della tua Skordalia e di queste verdure croccanti, baciate dal tocco dell'olio siciliano. Quest'olio ha fatto sognare un po' tutte noi. Il giallo oro della ricetta mi rimanda al sole della Sicilia.
    Brava Fausta, un'interpretazione azzeccatissima.
    Ti abbraccio e ricambio i tuoi auguri di cuore
    Sabina

    RispondiElimina
  16. Non conoscevo questa salsa, ma me la appunto subito.. ottima da abbinare e gustare in svariati modi! grazie per la dritta.. sempre avanti tu ;-)
    ti faccio tanti tanti auguri.. passa una buona Pasqua!
    baci luisa

    RispondiElimina
  17. Ma quante ne sai???
    Ma quanti libri hai???
    Favolosa ricetta e favolose foto come sempre.
    Tantissimi auguri per una Serena Pasqua a te e a tutti i tuoi cari
    Bacioni

    RispondiElimina
  18. Buona questa ricetta, semplice e genuina!!! Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  19. Immagino che il piatto sia favoloso per colore che amano l'aglio. Io devo avere parentele con il conte Vlad perché l'aglio mi uccide letteralmente, nonostante io lo usi regolarmente per cucinare, ma non posso tollerarlo a crudo o nelle salse come in questo caso.
    Quella frittura è uno splendore così come l'olio di Centonze, uno dei miei preferiti ad oggi.
    Un bacione gigante cara Faustidda. Pat

    RispondiElimina