w

24 ottobre 2014

crackers di farina di segale con semi di lino


Sapete com'è, no? Anche se non ci si mette alla ricerca di prodotti particolari, ci sono periodi, nella vita, che sembra che questi prodotti "cerchino" te.
Non so, forse prima non le notavo? Fatto sta che questo è evidentemente il mio periodo-farine-diverse e dopo la farina d'avena ecco piombarmi in borsa un pacchetto di farina di segale integrale macinata a pietra. Questo non vuol dire che non l'abbia pagata... sia ben chiaro alle eventuali malelingue.
L'ho provata per questi crackers e devo dire che è ottima. 
L'unico problema è che la pasta, in lavorazione, risulta un po' "friabile"; mentre si tira la sfoglia occorrerà quindi fare attenzione ed eventualmente "ricompattarla" un po'. Sarà anche molto più agevole il trasferimento dei crackers in teglia se, dopo aver praticato le incisioni, non si staccheranno totalmente uno dall'altro, spostandoli in coppia (o tre a tre).
Io mi sto trattenendo per non divorarmeli tutti insieme; insomma buoni, buoni, buoni... 


Ingredienti:
230 gr di farina di segale integrale 
30 gr di olio extravergine d'oliva
un cucchiaino abbondante di zahatar (oppure di erbe aromatiche secche di vostro gradimento)
4 gr di sale
1/2 cucchiaino di bicarbonato (3 gr)
semi di lino


Esecuzione: 
setacciate la farina con il sale e il bicarbonato, aggiungete lo zahatar (o le erbe aromatiche), l'olio e l'acqua necessaria ad ottenere un impasto di media consistenza, non appiccicoso. Ne occorreranno circa 90 gr.
Impastate molto bene, formate una palla, coprite e lasciate riposare per mezz'ora.
Stendete la pasta con un matterello, molto sottilmente (1 mm circa). Spolverizzate con i semi di lino e passate ancora il matterello, in modo da farli aderire alla pasta.
Con un tagliapizza praticate delle incisioni profonde, dando ai crackers la forma che più vi piace. 
Trasferite le cialdine in teglia, anche senza staccarle totalmente uno dall'altra (si staccheranno facilmente una volta cotte) e cuocete a 180 gradi per 13 minuti circa, comunque fino a coloritura.
 


    

4 commenti:

  1. Mi ispirano molto....così rustici!!! Ciao!!

    RispondiElimina
  2. splendidi...fantastici col zahtar!! l'ho scoperto qualche anno fa, un regalo da gerusalemme moooolto più gradito delle statuine del presepe :)

    RispondiElimina
  3. Il "gioco" delle farine è uno tra i più divertenti e appassionanti, per me... c'è sempre qualcosa in più da scoprire ed è bello provare tutta la gamma delle consistenze e dei sapori... i cracker li devo fare da tempo, anche solo per avere la scusa di preparare tante salsine per accompagnarli! :-)

    RispondiElimina
  4. la farina di segale quanto mi piace! adoro tutti quei pani scuri con la segale e magari speziati con finocchio o cumino! questi crackers sono proprio da uno tira l'altro!

    RispondiElimina