Passa ai contenuti principali

tortelli al vapore verde pisello



Tempo fa si diceva "verde pisello" per indicare una tinta ben precisa... si usa ancora?
Non saprei, in ogni caso oggi di un piatto "verde pisello" parlerò, ed è naturale visto che in questi tortelloni l'elemento principale sono proprio i piselli; compaiono nella pasta e nel ripieno, in un total-look davvero strabiliante. 
Sarà che da tempo il tema "colore" mi affascina, sarà che dal freezer un bel pacchetto di piselli surgelati - i miei, auto-prodotti questa primavera -, mi guardava da tempo chiedendomi  di essere cucinato, fatto sta che ho deciso di provare a ricavarne dei tortelli un po' insoliti.
L'idea iniziale era quella di fare una sorta di pasta ripiena di magro, alla ligure, senza uova nella sfoglia, ma quando questa mattina mi sono messa all'opera, poco alla volta la "cucina" m'ha preso la mano e da un passaggio mentale ad un'altro ecco nati dei "ravioli" che possono ricordare, nel procedimento, quelli cinesi, ma che di cinese hanno ben poco, sono anzi a buon diritto decisamente italiani.
Nel passato i legumi erano conosciuti come "carne dei poveri" per il loro contenuto proteinico. I loro componenti nutrizionali si integrano bene con quelli presenti nei cereali ed è il motivo per cui nei piatti della tradizione mediterranea queste due categorie di alimenti vengono spesso proposte in abbinamento: pasta e ceci, pasta e fagioli, riso e piselli...  senza di essi i miei pranzi invernali sarebbero sicuramente molto più tristi.
Legumi e cereali, dunque, elementi principe di questa pasta ripiena che vede anche la presenza di un morbido caprino, formaggio dalle origine antiche. Un filo, indispensabile, d'olio extravergine ed il piatto è completo, buono, semplice e - perché no? - anche vivace, per rallegrare la tavola invernale. 
Potrete cuocere i tortelli col metodo tradizionale (lessarli) oppure al vapore; io ne ho cotto metà in un modo e metà nell'altro e il risultato è stato praticamente identico. 
Se ve n'avanzerà qualcuno potrete ripassarlo in padella o in forno, con poco olio, per fargli acquistare quella crosticina croccante che lo trasformerà in un "finger" delizioso.  
Si tratta di un primo piatto e non di un antipasto, lo so... perché specifico questo?
Tornate sabato e lo saprete!
Con questo piatto partecipo al contest promosso dall'AIFB "I magnifici 6"



Ingredienti (per 4 persone):
per la pasta
150 gr di farina 00
70 gr di piselli surgelati*
per ripieno e condimento
350 gr di piselli surgelati*
140 gr di caprino fresco (spalmabile)
3 cipollotti
qualche foglia di menta fresca
scorza di due limoni
olio extravergine d'oliva
sale q.b. 
* oppure, in stagione, piselli freschi (peso netto)


Esecuzione:
preparate la pasta. Sbollentate i piselli per due minuti in poca acqua, scolateli con una schiumarola e frullateli con 4 cucchiai d'acqua di cottura fino a ridurli in purea.
Setacciate la farina ed impastatela con la crema ottenuta; aiutatevi con altra acqua bollente per ottenere la giusta consistenza (morbida e malleabile ma non molle). Lavorate bene la pasta, formate una palla, avvolgete in pellicola da cucina e lasciate riposare per mezz'ora. Nel frattempo preparate il ripieno.
Sbianchite i piselli in acqua bollente per pochi secondi, scolateli e lasciateli da parte.
Pulite i cipollotti, affettateli (anche una porzione di parte fogliare) e fateli appassire in una padella antiaderente con poco olio. Unite i piselli, coprite e lasciate cuocere per pochi minuti, finché la verdura sarà tenera. Al termine scoperchiate per far evaporare l'eventuale umidità in eccesso. Spegnete ed aggiungete 7/8 foglie di menta fresca tritate. 
Lasciate raffreddare poi frullate insieme al caprino. Regolate di sale. 
Riprendete la pasta e dividetela in piccoli pezzi (circa una quarantina) di uguale peso, formate delle palline ed appiattitele sottilmente con un matterello. A piacere, per conferire una forma più regolare ai tortelli, ritagliate i margini con un coppapasta tondo (io ne ho utlizzato uno da 9 cm), altrimenti lasciate così.
Disponete un cucchiaino di ripieno al centro di ogni disco, chiudete a mezzaluna, sigillate i lembi di chiusura, poi sovrapponete le due "estremità" per formare dei tortelloni. 
Lessate la pasta per un paio di minuti in acqua salata oppure cuocetela al vapore per una decina di minuti.
Condite con semplice olio extravergine d'oliva, qualche foglia di menta tritata e la scorza di limone grattugiata. 
       

Commenti

  1. complimenti per le foto sono bellissime e per i tortelli che non so se dice ancora ma a me "verde pisello" piace :)
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  2. Guardi signorina mi ci fa persin venire voglia a me di infricciarsi dentro la forchettidda....

    RispondiElimina
  3. Sono deliziosi e poi sono di un verde irresistibile....ottimi!!!

    RispondiElimina
  4. Io credo si usi ancora come tinta...di certo i tuoi ravioli rendono al massimo l'idea del colore! Splendidi, complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. Wow! Bellissimi e penso altrettanto buoni :-)
    Un bacio Faustidda
    Elena

    RispondiElimina
  6. Originali sicuramente... e bellissimi in questa tinta che sà di "fresco prato" :)

    un abbraccio

    RispondiElimina
  7. troppo buoni! Devo provare la cottura a vapore della pasta fresca ripiena, essi che in Asia, dove vado tutti gli anni, fanno i "momo" una specie di ravioli ripieni, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Bellissimi i tortelli verdi, ti sono venuti benissimo!!!! Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  9. La mia passione per la pasta fresca aumenta come le foglie gialle in questo periodo e quindi questa ricetta è un'illuminazione per me, vista oggi... :-) Se si mangia anche con gli occhi, ne voglio ancora e ancora!

    RispondiElimina
  10. Un piatto incredibile, sia per i colori, che per i sapori (se poi sono autoprodotti,meglio ancora!).
    Ne vorrei un aporzione doppia,se possibile... ;)
    A presto!
    Manuela

    RispondiElimina
  11. Un piatto leggero e raffinato! Bravissima,cara Fausta!
    Bacioni da gRecia!

    RispondiElimina
  12. E' una ricetta molto raffinata, colorata e buonissima...si vede dalle foto che è buona! Ma dimmi, non hai messo l'uovo nella pasta? Perchè a me senza uovo mi viene una sfoglia delicatissima e quindi difficile da manipolare? Debbo riprovare, forse sbaglio qualcosa. Uffi.... Complimenti per le bellissime idee che hai. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Meris, no, niente uovo nella pasta! D'altra parte, se ci pensi, la pasta secca, quella "dei pacchetti" per intenderci, non contiene uova. Io la faccio spesso, solo farina di grano duro e acqua, impasto bene e tiro... fatto! Più buona di quella industriale e veloce da preparare.
      Anche qui niente uovo, ma farina 00. Non so perché tu non riesca a tirarla... forse lavori l'impasto troppo poco? In Liguria varie vesioni di ravioli (specie quelli con ripieni "vegetali") non contengono uova nella pasta ed io con queste versioni ci vado a nozze, visto che con il colesterolo.. le uova... insomma, cerco di "risparmiarle" un po'. Riprova, sono sicura che ti verrà! Un abbraccio

      Elimina
  13. bellissimi!!!! è da un po' di tempo che non preparo la pasta... rimedierò con questa ricetta fantastica che già mi fa sognare la primavera :) un abbraccio e supercomplimenti per le foto!!!

    RispondiElimina

Posta un commento