Passa ai contenuti principali

Branda... cujun


... e dopo qualche settimana un po' concitata, per via del contest e non solo, si torna alla normalità.
So che nel periodo natalizio tutti vorrebbero trovare "sotto l'albero" dei blog una miriade di dolcini, ben confezionati, e so che vi darò una delusione. Pazienza, gira così... non ho molta voglia di dolcini burrosi, piuttosto di "sani" cibi salati.
Questo piatto, dal nome strano, almeno per alcuni di voi, è tipico del Ponente ligure. 
Quando lo faccio mi viene sempre in mente il tema musicale del film "Brancaleone alle crociate" di Monicelli ... ci sta bene, no? Suonerebbe un po' come: "Branda, Branda, Branda, cujun, cujun, cujun... (fischio) "bum!".
Ok, torno seria, anche se questa ricetta tanto "seria" non è. 
I protagonisiti del film (ops... piatto) sono essenzialmente tre: stoccafisso o baccalà (per me meglio quest'ultimo), patate e olio extravergine d'oliva, varietà taggiasca (e specifico, sì, perché, trattandosi di un piatto del Ponente ligure, anche l'olio dev'essere quello "doc"!). 
La trama è "confusa": pesce e patate, il tutto lessato, agitato in padella fino ad ottenere un insieme d'ingredienti sminuzzati e ben amalgamati, mantecati con olio. Confusa, la trama, anche perché non si sa esattamente da dove derivi il "titolo"; c'è chi dice che scuotendo fortemente la padella sul fuoco i marinai, a cui si deve questo piatto, scuotessero fortemente anche... beh, si capisce, no? - "brandare" significa scuotere, "cujun" penso che lo capisca tutt'Italia -, ma c'è anche chi sostiene che questo compito gravoso venisse assegnato solitamente al più trullino della compagnia (insomma... il coglioncello di turno), a cui si intimava un "agita, coglione!" 
Personalmente io preferisco la prima, ma vi dovevo anche la seconda a onor di cronaca.
Naturalmente oggi non si agita più un bel nulla, esistono gli schiacciapatate ed il baccalà può essere tranquillamente sminuzzato anche a mano, una volta lessato. 
Potete completare il piatto come volete (insomma... un finale "aperto"), con l'indispensabile, per me, trito di aglio e prezzemolo, pinoli e olive in salamoia, una spruzzatina di succo di limone. Difficile darvi le dosi; andate a "gusto"...
...e buona visione!



Ingredienti (per 3/4 persone):
700 g di baccalà già ammollato e dissalato (circa 550 g da dissalare)
500 g di patate
olio extravergine d'oliva qualità taggiasca (q.b.; per queste dosi almeno un decilitro e mezzo)
un piccolo spicchio d'aglio
una manciata di foglie di prezzemolo
olive taggiasche in salamoia
una grossa manciata di pinoli
succo di mezzo limone
sale q.b.

Esecuzione:
Lessate brevemente il baccalà in acqua bollente; occorreranno circa 10 minuti. Scolate, eliminate l'eventuale pelle e "frantumate" con le mani, riducendo il pesce a piccole scaglie, mentre eliminate le lische. 
Lessate le patate con la buccia.
A questo punto avete due alternative: schiacciare grossolanamente le patate, una volta sbucciate, con una forchetta (versione che preferisco), oppure ridurle a purea con uno schiacciapatate. Scegliete quella che preferite, tenendo presente che nella seconda occorrerà più olio, perché le patate ne assorbono molto. 
Preparate un trito con aglio e prezzemolo.
Trasferite patate e baccalà in una padella e mantecate per pochi minuti, amalgamando, con abbondante olio extravergine. Regolate di sale. Solo al termine, a fuoco spento, unite il trito, le olive, i pinoli e il succo di limone. Per questi ingredienti regolatevi secondo vostro gusto.  Potete anche aggiungere un pizzico di pepe nero macinato al momento; io non lo metto. 
Servite il piatto tiepido, come sfizioso antipasto o come secondo; ma se avanza è buono anche a temperatura ambiente. 


Commenti

  1. Da buona veneta penso che il baccalà ha sempre il suo bel perchè!

    RispondiElimina
  2. Quanta volgarità...sono esterrrefatta...

    RispondiElimina
  3. pure io veneta.. il baccalà è tradizione pura... la vigilia non è vigilia senza.. a casa mia la tradizione vuole quello alla vicentina, che però io evito come la peste perchè impossibile da digerire.. adoro quello mantecato alla veneziana, ma questo con patate, olive.. mmm, batte tutti e lo proporrò per quest'anno! brava

    RispondiElimina
  4. Mi piace conoscere le ricette regionali e le loro storie. Questa è come dire... "simpatica" per il nome ed ottima per il palato.

    RispondiElimina
  5. Che buffa questa descrizione del piatto ��
    La prossima volta che farò il baccalà adotterò questa ricetta regionale: ci sono tanti ingredienti che amo...e comunque solo il nome vale il piatto!!
    A presto,
    Alice

    RispondiElimina
  6. mi sono persa il contest, mannaggia...invece questa ricetta con il baccalà spero di non perdermela perchè lo segnata per provarla!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  7. Di corsa ma eccomi! Non potevo certo chiudermi in cucina per i preparativi senza passare prima ad augurare a te e alla tua famiglia un meraviglioso e magico Natale!
    Buone feste!!!
    Alice

    RispondiElimina
  8. ahahah mitica!!! :D :D
    grazie per la gustosa ricetta e... auguriiiiiiii!!!

    RispondiElimina
  9. Buone feste,carissima Fausta!
    Bacioni da Grecia!

    RispondiElimina
  10. Io non l'ho mai mangiato questo piatto, ne ho sentito parlare e so che mi piacerebbe moltissimo! (m'hai fatto ammazzare dalle risate con l'armata brancaleone.... ti ci vedevo a canticchiarla col fischio e col botto!!)
    Cara Faustina bella, tantissimi auguri di buone feste conditi da tanti, tanti baci e coccole.
    Buona Natale!<3

    RispondiElimina
  11. Ci tenevo a passare per lasciarti i miei auguri di Buon Natale. Un abbraccio affettuoso :)

    RispondiElimina
  12. oltre i dolcetti le pietanze "di sostanza" (corposi) sono graditissime sopratutto un modo diverso di fare il baccala' che non manca sulle tavole delle feste. Auguri di buon natale

    RispondiElimina
  13. Adoro il baccalà, ma non l'ho mai assaggiato preparato così. Che gola!!! Approfitto per farti i più cari auguri per uno splendido 2015! :-)

    RispondiElimina
  14. cara Fausta...intanto buon anno, e poi auguri per l'onomastico dell'altro giorno che ho lisciato..... che il successo sia con te negli anni a venire! bacioni

    RispondiElimina
  15. Pensavo di avere capito male invece avevo capito benissimo....sono qui che ridacchio da un po' ma la tua ricetta è da signori. Altro che da Cujun!
    Ti abbraccio cara Fausta e spero che quest'anno ti porti grandi gioie, tutte quelle che si sono tenuti da parte l'anno scorso. Un bacione Pat

    RispondiElimina
  16. Ciao Fausta, ho scoperto ora il tuo blog!
    Davvero divertentissimo :) anche la ricetta è ottima

    Marco di Una cucina per Chiama

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Marco! E' divertente la sua storia ed è ottima da gustare! Un abbraccio :)

      Elimina

Posta un commento