w

03 gennaio 2016

cavatelli di Timilia ai broccoletti e profumo d'arancia

Fare la pasta in casa, dar vita a formati dove le mani corrono agili e occorre spesso lavorare in punta di dita, è bello, stramaledettamente bello, ed ecco perché mi sono voluta cimentare nei cavatelli. 
In realtà sembra che non abbia studiato proprio benissimo; essendo molto ignorante circa l'argomento mi sono fidata del web. Quelli che vi presento, quindi, non sono propriamente cavatelli, bensì, come Patrizia mi ha specificato, "capunti". La differenza? Le dita utilizzate per "scavare" e arricciare il piccolo pezzo di pasta. I cavatelli si lavorano con un dito solo, se ne utilizzate tre avete ottenuto i capunti, trascinati se invece le dita sono quattro. Manca la lavorazione a due dita, me ne rendo conto, ma di più non so...  
So invece che se andrete sul sito AIFB (cliccate sui link, lassù in cima ;) ) ci sarà lei, Patrizia, la regina della pasta fatta in casa (ho ancora negli occhi i suoi fantastici pici...), che vi saprà raccontare tutto sui cavatelli, in modo simpatico e completo.
A me, che con la pasta fatta in casa non sono altrettanto brava, spetta solo il compito di illustrare una ricetta.
Ho scelto un condimento che amo molto e lo amo ancor più perché i broccoletti sono quelli del mio orto, biologici al 100%, tant'è che mi tocca condividerli con qualche lumachina. Incidenti del mestiere, ma meglio così che irrorare di sostanze velenose. D'altra parte in famiglia i broccoletti li apprezzo solo io, quindi condividerli con altri non mi procura grossi danni.
Avevo pensato di tingere la pasta di giallo, con zafferano autoprodotto (poco, qualche stimma, prezioso come l'oro, non perché lo sia in sé, ma perché piantato, curato, raccolto e bla, bla, bla... La produzione aumenta di anno in anno e chissà che non riesca a farci, prima o poi, un risotto per almeno 4 persone!), poi ho pensato di utilizzare la farina di grano duro Timilia, scovata in un negozietto di prodotti bio, e non ho voluto corromperne il sapore. 
Il Timilia, anticamente Tûmìnia Nigra, è una delle numerose cultivar siciliane. Presente nell'Isola fin dall'antichità (era conosciuto in epoca greca col nome di trimeniaios), in virtù del suo breve ciclo di vita era importantissimo alla sopravvivenza delle popolazioni, quando era impossibile seminare altre varietà a più lunga maturazione a causa di incursioni saracene o inverni particolarmente piovosi.
La fonte è Wikipedia, dove scopro anche che la farina di Timilia, scura per via del basso grado di abburattamento, è utilizzata per un'altra eccellenza sicula, il pane nero di Castelvetrano. L'etichetta della confezione specificava però che è adatta alla preparazione di pasta fresca; non potevo farmi scappare l'occasione per testarla con questo formato!
In un impeto di contaminazione culinaria ho quindi prodotto una pasta originaria di Puglia, Basilicata, Molise, con una farina siciliana, dando al tutto un tocco siculo-ligure nel condimento.
Perché penso che la cucina sia tradizione ma anche novità, sperimentazione, ricerca, "fusione". 
E questa è una bella sinfonia di sapori che vi invito a provare.



Ingredienti (per 4 persone):
350 g di grano duro Timilia bio
350 g di cime di broccoletto
2 spicchi d'aglio (io aglio di Vessallico - presidio Slow Food)
qualche oliva nera taggiasca sott'olio
una manciata di pistacchi
olio extravergine d'oliva q.b. (io cultivar taggiasca)
peperoncino fresco  (secondo gusto)
scorza di due arance
sale q.b.
formaggio stagionato misto pecora/capra


Esecuzione:
impastate la farina con l'acqua necessaria a ottenere una pasta non troppo morbida (circa 175 ml), lavorate a lungo, diversi minuti, fino a quando l'impasto risulterà ben strutturato, omogeneo e liscio.
Lasciate riposare almeno un'ora, coprendo per evitare l'essiccazione.
Riprendete la pasta, tagliatela a pezzi non troppo grossi e ricavatene tanti "spaghettoni", di circa 5/6 millimetri di diametro. Tagliate a tocchetti lunghi circa un centimetro, poi uno per uno date forma ai cavatelli piantando tre dita (indice, medio, anulare) nel pezzetto di pasta e trascinandolo sull'asse appena infarinato, tirando verso di voi. Probabilmente i primi verranno poco "scavati", ma dopo pochi minuti ci prenderete la mano e l'operazione sarà più facile e veloce. Solo un paio di accortezze: se utilizzate, come me, tre dita, ricordate di piegare leggermente il medio, per parificarlo a indice e anulare; cercate di fare in modo che il solco venga profondo e la pasta si richiuda leggermente.
Formate così tutti i cavatelli, spolverizzateli con un po' di farina, poi preparate il condimento.
Tagliate il broccoletto a cimette e lavatele; fatele più piccole possibile: la cottura sarà veloce e la tinta resterà verde brillante.
Portate a ebollizione l'acqua che vi servirà in seguito per la cottura della pasta e senza salarla scottate brevemente i broccoletti, poi scolateli con una schiumarola.
Schiacciate gli spicchi d'aglio e fateli saltare in padella, vestiti o sbucciati, a vostro gusto, unite i broccoletti e cuoceteli per pochissimo tempo, eventualmente unendo un po' dell'acqua calda della lessatura.
Se non lo gradite eliminate l'aglio (ma io l'ho lasciato) e unite le olive, il peperoncino, i pistacchi e regolate di sale.
Riportate a ebollizione l'acqua, salatela, cuocete i cavatelli freschi per 2/3 minuti, scolatelateli e uniteli al condimento.
Fate saltare brevemente, spegnete e aggiungete la scorza d'arancia.
Servite caldo cospargendo a piacere con scagliette di misto pecora/capra.



21 commenti:

  1. Grazie per questo bel post e per le foto Fausta. Io ho una confezione di farina di grano Timilia che non ho ancora utilizzato, ma arriverà presto il suo momento. Zafferano autoprodotto? Ma gli hai fatto qualche foto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo nessuna foto... l'ho raccolto man mano che i crochi fiorvano, uno qui, l'altro lì. Poco fotogenici :((( Ciao bella, a presto con nuove ricette!!!

      Elimina
  2. Che meraviglia, con le tue foto poi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Silvia. Questo calendario è stimolante anche in quel senso :)

      Elimina
  3. Ecco, anche tu il grano Timilia...ed io qui che rosico perché lo vorrei nella mia dispensa. E che meravigliosa ricetta, semplice, assolutamente rispettosa della tradizione, e completamente a km 0 (ovviamente per il condimento...e ringrazia le lumachine che garantiscono la bontà del prodotto).
    Foto ovviamente estatiche come sempre tu sai fare. Non posso che essere commossa.
    Un abbraccio cara Fausta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. commozione condivisa :))). Un grazie ancora per questo progetto che mi fa studiare e studiare, con sommo piacèr! :)))

      Elimina
  4. Cambieranno i nomi, ma la bellezza e la bontà di questo tuo piatto restano immutati. E acuiscono il dolore per l'assenza di tutti questi grani così profumati, così diversi l'uno dall'altro, in un paese dove il grano duro non esiste e le farine sono miscugli che lievitano da sole e ti fanno pure il caffè. Una sperimentazione riuscitissima, come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Ale! Riusciti lo erano davvero, questi cav... capunti!!! Buoni buoni buoni... :)

      Elimina
  5. Bellissimi, e le tue foto sono sempre fantastiche :)

    RispondiElimina
  6. Veramente molto invitanti i tuoi cavatelli multiregionali!Complimenti per il post e per tutto il blog! Grazie al calendario sto scoprendo ricette fantastiche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, c'è da crederci... anch'io!!! Più "spulcio" più mi trovo tra le mani ricette che vorrei replicare. Ecco... i giorni sono 366, ma il nostro tempo purtroppo non è infinito :((( Ciao Cristina, grazie per essermi passata a trovare :)

      Elimina
  7. Fausta, sono sincera,mi hai conquistata! Una ricetta che potrei replicare anche domani e che incontra i miei gusti, al 100%. Le foto poi, sono meravigliose! Tantissimi complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Aurelia! ne sono felice, è il miglior complimento che mi si potesse fare :))). Un abbraccio

      Elimina
  8. devono essere favolosi e le foto ti invitano alla prova, bravissime voi, regine della pasta in punta di dita... a me lo confesso manca la pazienza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eddai, prova! E' divertentissimo (il mio ""segreto"? Ne devo fare solo per due persone... ahahah). Grazie Lara, ti abbraccio :)

      Elimina
  9. Stupendi Fausta, chapeau!!! Che sapori e che belle foto, bravissimaaaaa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie bella! Pochi "chapeaux"! Tu fai ravioli da favola... :)

      Elimina
  10. Broccoletti dell'orto, zafferano autoprodotto....lo sai che un minimo ti invidio?? Hai scelto il condimento migliore anche se lo devi dividere con le lumache!!! Foto stupende complimenti!

    RispondiElimina