Passa ai contenuti principali

pesche ripiene al forno alla piemontese


... e finalmente, estate.
Sì, lo so, per il calendario astronomico dobbiamo ancora pazientare qualche giorno, ma per me che abito in Riviera è ormai tempo di indossare il costume, mettere asciugamano e crema solare in borsa e partire per la spiaggia.
Già che parliamo di calendario, allora citiamo anche quello di AIFB, il Calendario del cibo italiano, e poiché parliamo di mare, sole, spiaggia, quale miglior spuntino che un bel frutto estivo, per dissetarsi sotto l'ombrellone?
A parlarci diffusamente della frutta estiva sarà Alice, splendida Ambasciatrice della Settimana dedicata all'argomento e titolare di un sito meraviglioso; io, come sempre, mi limiterò a portare un contributo molto più modesto.
Freschi e succosi, i frutti estivi sono preziosi alleati del nostro organismo in un periodo nel quale caldo e afa, attraverso la sudorazione ci fanno perdere importanti principi nutritivi.
Ormai da tempo è noto che una dieta corretta dovrebbe prevedere 5 porzioni al giorno di frutta e verdura, ma se durante l'inverno siamo più propensi a ricorrere a cibi fortemente calorici, ora non abbiamo più scuse: una bella insalata di frutta, a conclusione di un pasto leggero, ci regala il giusto apporto di sali minerali, vitamine e acqua, consentendoci di affrontare al meglio la giornata.
Anche i colori sono importanti... e chi mi conosce sa quanto sia sensibile al discorso "colore"!
I pigmenti giallo/arancio indicano la presenza di carotenoidi, di cui il principale è il Beta-carotene, antiossidante che contrasta l'invecchiamento cellulare e l'insorgenza di neoplasie. Meloni, albicocche, pesche rinforzano anche ossa e denti; penso che inserirli nella nostra dieta sia assai facile, non fosse altro che per la velocità di preparare uno degli antipasti estivi per eccellenza, che per me costituisce già da solo un pasto: prosciutto e melone. Pesche e albicocche sono importanti fonti di ferro. 
I rossi e i viola di fragole, ciliegie, uva nera, prugne, frutti di bosco ecc indicano la presenza di licopene, sostanza antiossidante, e/o antocianine, importanti per l'azione benefica sui nostri vasi sanguigni. L'uva è ricca di fosforo e vitamine del gruppo B.
Non dimentichiamoci del verde kiwi, fonte importantissima di vitamina C, che oltre a essere l'antiossidante per eccellenza facilita l'assorbimento del ferro denominato non-eme, quello derivante da alimenti vegetali. Poiché l'Italia è uno dei maggiori produttori mondiali di questo frutto, molti di noi potranno acquistarlo a km zero.
Personalmente adoro l'anguria, ancor più ora che i produttori hanno cominciato a invadere il mercato con la varietà Baby, cosa che mi consente di portare a casa un frutto altamente dissetante, poco calorico e vitaminico (A gruppo B e C), senza dovermi camallare 5 chili di roba.
La frutta dovrebbe essere consumata fresca e cruda, per evitare la dispersione delle vitamine, ma ogni tanto ci si può concedere un piccolo peccato di gola, trasformandola in goloso dessert. 
Quando voglio concludere il pasto con un dolce non eccessivamente calorico, le pesche ripiene alla piemontese sono sicuramente una delle preparazioni che prediligo.
La ricetta l'ho ricavata dal libro I dolci e le confetture Piemontesi, aggiustando appena le dosi, a parer mio un po' approssimative.
In ogni caso è un dolce che riesce sempre e se esteticamente è decisamente bruttino da vedere, sicuramente è molto buono da mangiare! 
Fonti 
Benessere 360



Ingredienti (6 porzioni):
3 pesche sode possibilmente bianche
45 g di amaretti
25 g di gocce di cioccolato (o cioccolato fondente tritato grossolanamente)
15 g di zucchero semolato + un cucchiaino per rifinitura
10 g di cacao amaro
un tuorlo medio
burro q.b.


Esecuzione:
lavate le pesche e tagliatele a metà, senza sbucciarle; eliminate il nocciolo.
Con uno scavino allargate la fossetta centrale e mettete da parte la polpa ricavata.
Sbriciolate gli amaretti, aggiungete lo zucchero, le gocce di cioccolato, il cacao setacciato e miscelate.
Tritate la polpa ricavata dalle pesche e unitela alla miscela.

Amalgamate unendo il tuorlo e riempite le pesche in modo da formare un cumuletto centrale.
Spolverizzate con un po' di zucchero semolato, che cuocendo formerà una crosticina, disponete in una pirofila appena imburrata e infornate a 180° finché tenere e colorite (circa 25/30 minuti).
Al termine sfornate, mettete un fiocchetto di burro su ogni porzione e servite calde o tiepide, ma sono ottime anche fredde! 

    

Commenti

  1. È un dolce meraviglioso, non vedo l'ora di rifarlo con le pesche dell'orto. Intanto mi rifaccio gli occhi con il tuo piatto ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che sei piemontese Doc immagino che in casa tua le pesche ripiene siano uno dei dessert estivi più presenti. Invidio molto le tue "pesche dell'orto" :)

      Elimina
  2. Fausta ma che bello! Grazie per questa ricetta, ci speravo tanto che qualcuno la facesse, è un vero classico della cucina italiana. E tu come al solito l'hai interpretata al meglio, con chiarezza e accompagnandola con foto molto belle.
    Un post ricco di informazioni e di gusto, con quello che in pochi minuti può diventare un perfetto dessert estivo.
    Grazie davvero :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che le foto non rendano come dovrebbero; quel dessert è fantastico e "fresco". Un grazie a te che sei stata la splendida ambasciatrice di un tema vasto e complesso, ma così importante per la nostra salute!

      Elimina
  3. un classico intramontabile, che piace e piacerà sempre... grazie Fausta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pienamente d'accordo con te! Un bacio :)

      Elimina
  4. Eccole, le stavo appunto aspettando... deliziose e golose, e un po' ti invidio la riviera in questo periodo, dico la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la Riviera è invidiabile sono giusto fino a giugno... a luglio e agosto molto ma molto meno! Ci consoliamo con le pesche ripiene? Un bacio :)

      Elimina
  5. Buone! Vivo a Torino da qualche anno, ma non le ho mai fatte, le tue foto sono così invitanti che mi sono già segnata la ricetta. Grazie! Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspetto le tue impressioni, anche se sono già sicura che ti piaceranno un sacco. Un bacio e salutami la tua bellissima città adottiva :)

      Elimina
  6. Sai stupirmi spesso quando vengo qui, o perchè imparo parole nuove, o con le foto, o con le idee... le mele al forno guai a non farle ogni inverno, adesso so che esiste anche una versione estiva con un tipo di frutta che di solito metto in freezer e che quindi vivrà un'esperienza nuova! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. frutta estiva in freezer? E' un'idea, per godere della frutta estiva anche in estate :))) Fantastica Francesca!

      Elimina
  7. Ma con queste bellissime foto è impossibile resistere, anche di fronte ad un dolce semplice ma buonissimo che, pensa te, martedì sera ho mangiato dai miei dopo tanto tempo. Mio marito che non lo conosceva se ne è innamorato, sul serio. Sarà un'estate al profumo di pesche e amaretti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bontà tua che vedi queste foto "belle" :)))
      Bellissima estate profumata, sarà la tua, Mari; ora so che l'hai già cominciata :) Un abbraccio grande

      Elimina
  8. Che buone devono essere! da provare assolutamente. E grazie per la dettagliata introduzione sui frutti estivi!
    Buona domenica
    Maria Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te, Maria Teresa! Se le provi, poi mi dici se ti sono piaciute? Un abbraccio

      Elimina
  9. A me in estate capita di sostituire interi pasti con sola frutta... :-)
    Beata te che prepari la borsa e corri in spiaggia!
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. estate strana... poca spiaggia finora! :( Ma l'intenzione c'è e hai ragione: mi sento fortunata! Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento